I defunti e il gioco d'azzardo

Dice il governo: si può giocare dappertutto eccetto che nei cimiteri. Il riferimento è alle slot machine, all’azzardo, al gratta e vinci e alle lotterie
I defunti e il gioco d'azzardo
Dice il governo: si può giocare dappertutto eccetto che nei cimiteri. Il riferimento è alle slot machine, all’azzardo, al gratta e vinci e alle lotterie. A parte il fatto che il Tressette col morto è la biografia dell’Italia al tavolo da gioco, c’è però un dettaglio da non sottovalutare e cioè che i defunti, da sempre, si fanno carico di una fatica: quella di dare i numeri e far girare, con la giostra della sorte, la smorfia. Chi non ha visto Peppino De Filippo in “Non ti pago!” non merita il privilegio del governare gli italiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi