Saffo in metropolitana

Saffo, ieri, se ne stava seduta in metropolitana col dizionario Rocci sulle ginocchia. Aiutava i ragazzi a esercitarsi prima dell’esame di greco.
Saffo in metropolitana

Saffo, ieri, se ne stava seduta in metropolitana col dizionario Rocci sulle ginocchia. Aiutava i ragazzi a esercitarsi prima dell’esame di greco. E mormorava qualcosa a proposito di un altro amore, di un cuore chiamato a pagare per cose mai fatte: “Un altro amore, prima di me, ha reso il tuo cuore triste e malinconico”. E così traduceva per chiedere a se stessa: “Come faccio a sciogliere il tuo cuore, freddo?”. Così, ieri, Saffo. Prima di scendere alla fermata Anagnina, capolinea. Per poi proseguire la versione nel più difficile degli esami, l’amore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi