La toponomastica ideologicamente corretta per Laura Boldrini

Poche strade dedicate a donne, bisogna rimediare. Questo l’appello rivolta ai sindaci dal presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini. E’ un’intemerata dal tono assai severo, questa di Boldrini: “Solo il 4 per cento delle strade nelle nostre città sono dedicate alle donne e spesso sono sante…”.
La toponomastica ideologicamente corretta per Laura Boldrini
Poche strade dedicate a donne, bisogna rimediare. Questo l’appello rivolta ai sindaci dal presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini. E’ un’intemerata dal tono assai severo, questa di Boldrini: “Solo il 4 per cento delle strade nelle nostre città sono dedicate alle donne e spesso sono sante…”. Quel spesso “sono sante” rivela il sottinteso disprezzuccio laicista. Accanto a lei, nel video sul sito di Repubblica, c’è Enzo Bianco, primo cittadino etneo. Lei si lamenta delle sante, e lui – ghostwriter della Boldrini su questo tema, così dice su Fb – improvvisamente si ricorda di Sant’Agata, patrona di Catania. Gliela farà vedere Lei, Agata – una volta tornato – la toponomastica ideologicamente corretta. A colpi di Candelora in testa. E allora sì che saranno inchini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi