Goethe e Charlotte in metropolitana

Gli amori dai quali ci si lascia trasportare sono gli amori gracili, momenti di vita che non sono giorni o notti ma istanti senza struggimenti, senza sfinimenti ma affamati e insaziabili.
Goethe e Charlotte in metropolitana
Gli amori dai quali ci si lascia trasportare sono gli amori gracili, momenti di vita che non sono giorni o notti ma istanti senza struggimenti, senza sfinimenti ma affamati e insaziabili. E ieri – nel viaggio da Battistini a Lepanto, metropolitana di Roma – stavano tra i pendolari, aggrappati ai corrimano, Goethe e Charlotte. Lei aveva fame, lui non più. E lei diceva a lui: “Ti restituisco i baci, terrò tutti i rimpianti”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi