Il fascinaccio della vicenda delle milizie dell’Oregon

Ha un suo fascinaccio questa vicenda delle milizie dell’Oregon. Sono quelle della destra anti-Stato degli allevatori patrioti. E sono già orgoglio e sentimento profondo dei Repubblicani in Usa e dei neocon di tutto il mondo cosiddetto civile.
Ha un suo fascinaccio questa vicenda delle milizie dell’Oregon. Sono quelle della destra anti-Stato degli allevatori patrioti. E sono già orgoglio e sentimento profondo dei Repubblicani in Usa e dei neocon di tutto il mondo cosiddetto civile. Col leader Ammon Bundy poi – arrestato dopo un conflitto a fuoco con gli agenti dell’Fbi, e con un morto sull’asfalto – la storia già assume una sfumatura epica pronta all’uso pedagogico. Giusto per ammaestrare al gioco più duro gli sparafucile. Primi tra tutti quelli nostrani, il cui unico addestramento ai botti, al momento, sono i rutti al bar sport cui s’è ridotta la destra. Finita l’epoca dell’egemonia marxista – archiviati gli anni Settanta, il gramscismo e quella certa idea dell’Italia qual è La Repubblica – comincia l’era di John Wayne. Altro che “Vogliamo i colonnelli”. Ora e sempre, “Berretti verdi”! Vuoi vedere che c’aveva visto lungo il Gianfranco Fini?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi