Io parto da sola. L’attimo in cui Anita è diventata grande

Dieci anni, la sua valigia vuota, il mio cuore a Londra 

Io parto da sola. L’attimo in cui Anita è diventata grande

Foto via Maxpixel

Anita, there’s your mom!”, ha strillato una ragazzona scavalcandomi sulle scale, e un attimo dopo ho visto una bambina alzarsi da terra, in mezzo al prato inglese ricoperto da mazze da quidditch improvvisate (si festeggia sempre Harry Potter nel Regno Unito, giorno e notte, tutto l’anno): eccola, mia figlia. Spettinata, con la maglietta più lunga dei pantaloncini, un abbinamento di colori agghiacciante, il naso colorato di verde, mi è corsa incontro, mi è saltata addosso, “sono vestita da mostro”, fatti...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi