Tra disincanto e speranza, il figlio unico pensa ai fratelli che non ha avuto

Né con voi né senza di voi

Tra disincanto e speranza, il figlio unico pensa ai fratelli che non ha avuto

Foto di freegreatpicture.com

Per ludico onere di madre, mi è toccato andare a vedere “Baby Boss”, un film che io ho trovato orrendo ma che sta sbancando i botteghini. Parla di un perfido bambino artificiale (si nasconde in lui il più manipolatore e mafioso degli adulti) che come un avvoltoio irrompe in una famiglia, infrangendo i sogni felici di un altro bambino, sino a quel momento beatamente figlio unico. Mano a mano, tra il bimbo vero e l’altro, l’impostore, scatta una inaspettata solidarietà,...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi