A San Francisco ci sono più cani che bambini

Lo dice il New York Times, ma non tiene conto che avere un bambino nella città americana è lo status symbol definitivo

A San Francisco ci sono più cani che bambini

Foto LaPresse/PA

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    24 Aprile 2017 - 16:04

    Non la mettiamo in quei termini. Non fanno figli punto. I cani sono un surrogato di una sessualità morta e sepolta. Uomini con uomini e cani. Donne con donne e cani. Il gatto no perché è maschio dentro e fuori. Se fosse colpa delle scuole grasse correrei subito e fonderei scuole normali,, normali come quelle che frequentavo io con tanto di dietro la lavagna e maestri seri che se non studiavi un minimo te lo ricordavi per anni. Ora i genitori menano a quegli insegnanti panda, pand perche' ve ne sono sempre meno e sempre più laciati soli. Il mondo è vario e ciclico. Nel senso che un giorno sempre si ricomincia. In Cina i cani se li mangiano, a S. Francisco li vestono da coglioni per farseli somigliare. Il sesso scarseggia e gli spermatozoi pure. Viva la civiltà del tutto permesso e concesso. A S. Francisco proverei a far nascere un cane da madre cane surrogata e spermatozoo di padre cane preso in prestito e vedere l'effetto che fa'. Con l'uomo è riuscito ma forse i cani si rifiuteranno.

    Report

    Rispondi

Servizi