Uragani & Climate change, la corsa allo spazio e il pioniere del web. Di cosa parlare nel weekend

Un grande tema di dibattito spiegato bene, qualche lettura da non perdere, un video e vecchie storie che riaffiorano dal passato. Bastano pochi link per rendere speciale il fine settimana…

Uragani & Climate change, la corsa allo spazio e il pioniere del web. Di cosa parlare nel weekend

L'uragano Irma visto dallo Spazio

“Un uragano costringe l’aereo del Papa a cambiare rotta. Giusto per fargli capire chi comanda…”

@spinozait


 

Giorni di tuono

 

E’ come nei videogiochi (copyright Giulio Tremonti). Superi un livello e in quello successivo il mostro che ti si para davanti è ancora più forte e pauroso. Così dopo Harvey, a distanza di qualche giorno, è arrivato Irma. Se possibile ancor più distruttivo dell’uragano che ha martoriato Houston, il Texas e la Louisiana.

 

Anzitutto un video molto ben fatto che spiega come si formano e cosa da forza distruttiva agli uragani e alle tempeste tropicali in genere e, in che modo, tempeste tropicali stile Irma o Harvey rischiano di ridurti casa.

 

Poi un mito da sfatare. Non è vero che devastazioni come Harvey producono boom economici per via della ricostruzione. Non c’è nemmeno questa parziale consolazione al disastro! Anche se la domanda più calda del momento è: che rapporto esiste tra uragani e riscaldamento globale? Per caso è il climate change a causarli?

 

Il rapporto tra climate change e uragani è piuttosto controverso. Non ci sono dal punto di vista scientifico evidenze di causalità diretta bensì di peggioramento di un fenomeno che nasce per altre ragioni. Per questo stiamo assistendo a tempeste progressivamente sempre più violente. Il global warming, secondo molti scienziati, agisce da moltiplicatore. Anche per questo bisogna affrontarlo e combatterlo.

 

Da non perdere

 

Nello scenario peggiore, a cosa potrebbe somigliare un conflitto nucleare sopra i cieli della Corea e l’imprescindibile libro di Byung-Yeon Kim per chi vuol capire come funziona davvero uno dei paesi più oscurantisti del mondo.

 

I due anni che restano al presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, per dare un senso al suo mandato e non essere ricordato solo per aver “perso” il Regno Unito…  

 

La guerra legale ad alta tensione tra Waymo (Google) e Uber. Posta in palio, il grande business del futuro: l’auto senza conducente.

 

La spettacolare crescita economica della nuova industria spaziale (leggi anche come “nuova corsa allo spazio”)!

 

Lo scrittore premio Nobel turco, Orham Pamuk e l’ottimismo che ci vuole per sopravvivere nel suo paese, oggi.

 

La commovente qualificazione della Siria. In un paese in guerra da sei anni, vivendo inimmaginabili difficoltà, la Nazionale di calcio è riuscita ad accedere agli spareggi per le qualificazioni ai Mondiali di Russia 2018.

 

Vecchie storie

 

In fondo il tempo è sempre galantuomo. Ad esempio, ecco quando la radio (a partire dagli anni Trenta generava dibattiti apocalittici simili a quelli di oggi su internet e le fake news…

 

La letteratura delle persone. La Prima guerra mondiale come esperimento di scrittura di massa.

 

As We May Think il geniale articolo di Vannevar Bush che anticipava il web nel 1945 (via Gianni Riotta).

 

Guarda questo

 

Il devastante collasso di un intero paese, il Venezuela, spiegato bene in questo video di Vox…

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi