Il cavalliero neapolitano contro la Turba Romana

Dries Mertens, il mortal punto e mimar ’l cane che indulge a sua minzion

Il cavalliero neapolitano contro la Turba Romana

Mertens festeggia la prima rete contro la Roma all'Olimpico (foto LaPresse)

Turba Romana
Duce de la Turba Romana
Dries Mertens, cavalliero neapolitano

 

Turba: Gran patimenti occorron all’essercito nostro. Roma caput mundi!

Duce de la Turba: D’uopo è iscaltrirci, e qualcosa inventar.

Turba: Che far? Che far? Alè-ooh, alè-ooh.

Duce de la Turba: Flebili cori son codesti, a nulla valgon più.

Turba: Oh no, oh no!

Duce de la Turba: Occorron più efficaci carmi per li nostri campion spronar.

Turba: Diccel tu, o nostro Duca, diccel tu.

Duce de la Turba: Dagli spaldi romani leveransi infamanti crudeli grida contra l’inimico neapolitan!

Turba: Ben parlasti! Tu duca, tu maestro, tu signore!

Duce de la Turba: Orsù, diasi fiato alle vulgar trombe!

Turba: Sterminator Vesevo, noi sovente ti invochiam, làlàlàlàlà!

Duce de la Turba: Più empi siate, o seguaci miei!

Turba: Miglior sorte fia perir che un neapolitano incontrar!

Duce de la Turba: Deh, qui si vuol più aspro motto.

Turba: Roma mi fé, disfecemi Partenope.

Duce de la Turba: Maggior crudezza!

Turba: Non uomini voi sète, bensì NeapoliCani!

Mertens: Ah, vili! Marrani! Peggio che pagani!

Duce de la Turba: Taci, Mertensio, ritorna nelle Fiandre.

Mertens: La vostra non è favella umana, ma sconcio turpiloquio.

Duce de la Turba: O cavalliero dimezzato, qui si parrà la tua nobiltate.

Mertens: I’ ti sfido a singular tenzone.

Duce de la Turba: Sia!

Mertens: Tu sol sugli spaldi sai dar provua di valor.

Duce de la Turba: Tu dicesti il falso.

Mertens: E tu falsasti il conio.

Duce de la Turba: Certo se’ tu un gran begolardo!

Mertens: E tu mi tien’ bene la lancia a le reni.

Duce de la Turba: Tu sei solito desnare con altrui.

Mertens: E tu vi ceni.

Duce de la Turba: Tu sempre mordi ’l grasso.

Mertens: E tu ne sugi ’l lardo.

Duce de la Turba: Tu cimi ’l panno.

Mertens: E tu vi freghi ’l cardo.

Duce de la Turba: Tu troppo se’ discorso.

Mertens: E tu poco raffreni.

Duce de la Turba: Tu se’ uso gentileggiar.

Mertens: E tu gran signor t’avveni.

Duce de la Turba: Ti sei fatto sordido neapolitano.

Mertens: E tu se’ laido romano.

Duce de la Turba: Mal fatata è la moglie tua.

Mertens: E tu hai il copertoio cortonese.

Duce de la Turba: Tu non…

Turba: Disfatta! Orror! Lo Fiamingo cavalliero, mentre che teco tenzonava, segnò il mortal punto e irriseci mimando ’l cane che indulge a sua minzion.

Duce de la Turba: Ben il veggio. Orsù, cantiam.

Turba: Cantar, ormai, perché?

Duce de la Turba: Perché cantando il duol si disacerba.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi