Cosa si sono detti davvero Sarri e Higuain prima di Juventus-Napoli

"Orsù, l’odio mandiamo in oblivione", dice l'attaccante bianconero, "Stendo le man, abbracciamci", risponde l'allenatore partenopeo.
Cosa si sono detti davvero Sarri e Higuain prima di Juventus-Napoli

I protagonisti

 

Gonzalo Higuaìno, pedatore bianconegro
Maurizio Sarri, condottiero partenopeo
Partenope, la cittade

 

GH: Orsù, l’odio mandiamo in oblivione.
MS: Stendo le man, abbracciamci.
GH: Oh gran letizia pel dissapor svanito!
MS: Fosti per me qual figlio…
GH: Padre mio!
MS: …figlio empio e maledetto!
GH: Il ver non dice dunque lo tuo abbraccio?
MS: Iniqua condanna grava su di me dal dì che al Mancio dissi quel ch’ognun sa: dissimulazion onesta m’è d’uopo.
GH: Ah, cruda disillusion!
MS: Deh, via, lontan da me.
GH: Qui si parrà la mia nobiltate, o partenopei.
P: Higuaìno, degno sei del fuoco vesuvian!
GH: Chi parla? Donde viene codesto mortifero augurio?
P: Tutta Partenope d’odio è accesa inver’ te.
GH: Nol merito.
P: Tu sei più crudo e più fellone d’ogni Ciclope e d’ogni Lestrigone.
GH: Del Nuovo Mondo venni, famoso cavalliero, gloria desiando.
P: Ai ladron bianconegri ti vendesti.
GH: Menzogna.
P: Il traditor Gano di Maganza al tuo cospetto è un sant’uom.
GH: Vittorie vo cercando che son sì care…
P: Mercenario, dispregiator di Mergellina!
GH: Vane fole son le vostre. Or la pugna mi reclama.
P: Ben ristai tra tua nuova gente scelerata.
GH: Che fai, sfera, in area?, dimmi, che fai così incustodita?
P: Fellone, nol far!
GH: Deh, tien! Ecco il vincente colpo che l’esercito mio lieto farà.
P: Ah! Morte! Dolor!
GH: Fingo costernazion.
P: Tragedia inumana!
GH: Rattengo l’esultanza.
P: Ecatombe, delirio!
GH: Malcelo l’acerbo riso.
P: La clessidra porta lo minuto settantesimo primo… Ah, verità de li arcani segni!
GH: Superstizion.
P: Septuaginta e uno: l’Uom di fango!
GH: Vaneggiamenti.
P: La smorfia mentir non sa. Fior di lota!
GH: Fantasie.
P: Peggio che mascalzon.
GH: Men che sleali.
P: Vile bramator del soldo giuventino.
GH: Lo mandolin sonate a mia salute. Io al triunfo men vo superbo.
MS: Figlio, è ver, ti chiamai, ma di chi nol dirò giammai. Deh, miei campion, partiam, e di sì crudel spettacolo cessiam la vista.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi