Il cuore matto di Dibba

“Fallo: è quello che vuoi. Poi una soluzione si troverà. Tu intanto fallo”

Cuore matto “Fallo: è quello che vuoi. Poi una soluzione si troverà. Tu intanto fallo”. Sentivo queste vocine prima di prendere sonno. Ero matto? Forse, ma mi batteva il cuore.

 

Alessandro Di Battista, “A testa in su”, Rizzoli, pag. 243

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi