Lo diceva Neruda

Ascoltavo e imparavo ogni categoria di insulto guatemalteco

diari dibba

La sera traducevo i versi di Neruda e segnavo su un quaderno le parole nuove… Il campo da calcio era una scuola di lingua oltre che di vita. Ascoltavo e imparavo ogni categoria di insulto guatemalteco e rispondevo con Neruda. “Era un cross facile facile, simple como un anillo”. Mi avranno preso per matto! (Alessandro Di Battista, “A testa in su”, Rizzoli, pag. 29)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi