Spremute di umanità/2

La mattina mi alzavo e passeggiavo per ore

Spremute di umanità/2

(foto via Flickr<9

“Mi girai tutta l’Avana con calma. La mattina mi alzavo e passeggiavo per ore. Parlavo con chiunque, volevo bermi più spremute di umanità possibili prima di tornare a Roma”.

(Alessandro Di Battista, “A testa in su”, Rizzoli, pag. 220)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi