“Mani in alto” “Vaffanculo!”

Conoscere il turpiloquio è fondamentale quando si viaggia

Grillo

Beppe Grillo (foto LaPresse)

Conoscere il turpiloquio è fondamentale quando si viaggia. Infilare qualche trivialità autoctona nei tuoi discorsi riduce persino le possibilità di essere derubato. Un ladro ci pensa due volte prima di rapinarti se ti ascolta pronunciare parolacce importanti.

(Alessandro Di Battista, “A testa in su”, Rizzoli, pag. 72)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    09 Dicembre 2016 - 12:12

    E poi magari ti vota anche.

    Report

    Rispondi

Servizi