Vitalità iconoclasta

Siamo stati terra di conquista dei barbari, dei franchi, degli arabi, dei normanni, dei francesi, degli spagnoli e da settant’anni degli americani

Vitalità iconoclasta

Ruggero I riceve le chiavi di Palermo (dipinto nella sala gialla di Palazzo dei Normanni)

“Siamo stati terra di conquista dei barbari, dei franchi, degli arabi, dei normanni, dei francesi, degli spagnoli e da settant’anni degli americani. Non abbiamo mai vissuto una rivoluzione popolare com’è accaduto in altri Paesi: ciò per certi versi si è rivelato un bene, ma ci ha impedito di portare nei nostri cromosomi una vitalità iconoclasta necessaria per attuare grandi cambiamenti”.

(Alessandro Di Battista, “A testa in su”, Rizzoli, pag. 19)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi