La grande retromarcia di Trump

La politica economica del nuovo presidente americano è calma piatta, almeno per ora

La grande retromarcia di Trump

Donald Trump (foto LaPresse)

Doveva essere un disastro e invece, per ora, semplicemente non è. La politica economica del nuovo presidente americano, Donald Trump, è calma piatta, soprattutto rispetto alla retorica incendiaria elettorale. Ieri ha annunciato “il più grande taglio alle tasse della storia”, ma i mercati sembrano non prenderlo più in parola e non reagiscono. D’altronde, anche la sua annunciata politica commerciale si sta dimostrando una cialtronata. Le negoziazioni del Ttip, il trattato di libero scambio tra Stati Uniti e Ue, sono riprese la settimana scorsa e probabilmente procederanno un po’ a singhiozzo, proprio come con Obama. Il Nafta, l’accordo commerciale tra America, Messico e Canada che Trump aveva giurato di stralciare appena insediato – “worst trade deal ever” – probabilmente verrà solo “rivisitato”. La guerra alla Cina “che fa concorrenza sleale distruggendo posti di lavoro americani” si è trasformata in un rifiuto, da parte del Tesoro, di classificarla come “manipolatrice di valuta”. E dei dazi al 40 per cento sui prodotti importati da Pechino neanche l’ombra. Il Tpp, l’accordo con i paesi del Pacifico, è stato stralciato, ma la mossa sembra più un favore alla Cina che ai lavoratori americani della “Rust Belt”, cui in teoria il messaggio era indirizzato. Il Fondo monetario internazionale, quindi, deve aver calcolato il tasso di tracotanza delle promesse elettorali del maverick, e si è rincuorato. E’ passato dai toni apocalittici contro il protezionismo tout court a quelli concilianti di un’istituzione bipartisan, che invita i paesi a instaurare “relazioni collaborative”. Trump non sta sovvertendo l’ordine mondiale fondato sul libero commercio come aveva promesso. Per la crescita economica mondiale è una good news. Per ora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    27 Aprile 2017 - 11:11

    Spesso non siete update: sembrate il locallà 24; comunico che ha abbasato le tasse l'impostore. Per la crescita economica americana è una good news boys, o no? Fate manutenzione agli aerei, cari maverick, così vi alzerete e potrete capire come la diminuzione delle entrate dovute alla minor aliquota fiscale, si recuperano con l'incremento dei capitali fuggiti (legalmente). Vi comunico i primi fischi (e piriti, direbbe qualcuno) di Macron detto anche "voglio la nonna"...di costui, fra qualche anno nonostante la copertura di Attalì, Rothschild e altri non si sentirà più parlare

    Report

    Rispondi

Servizi