L'ipocrisia di chi salva gli agnellini

L’animalismo è una religione e come altre religioni pagane pretende sacrifici umani

L'ipocrisia di chi salva gli agnellini

Laura Boldrini. Foto LaPresse/Fabio Cimaglia

Si sono traditi: sotto la candida lanetta sono spuntate le zanne arrossate, gli amanti degli agnelli si sono rivelati lupi antropofagi. Michela Vittoria Brambilla non ha saputo trattenersi dall’accusare Renzi, colpevole di essere onnivoro, di avere favorito, quand’era al governo, la caccia alla nutria e la caccia al cinghiale. Dunque vogliono allattare agnelli e vedere uomini annegare (le nutrie distruggono gli argini). Dunque vogliono fare ciao alle caprette, come Heidi, e dire amen agli automobilisti e ai motociclisti che sempre più spesso muoiono per impatti coi suini selvatici (l’ultima tragedia meno di un mese fa a Roma, dalle parti della Cassia). L’animalismo è una religione e come altre religioni pagane pretende sacrifici umani: sia messo fuorilegge come si metterebbe fuorilegge la religione azteca se i suoi sacerdoti ricominciassero a strappare il cuore dei prigionieri in onore del Dio Sole.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo schieppati

    14 Aprile 2017 - 16:04

    Anche a me non piace l'agnello. Quest'anno mi tocca mangiarlo. Qualcuno mi sa dire se si possono mangiare i ghiri? C'è la casa di una mia amica che è infestata da questi simpatici animaletti.

    Report

    Rispondi

    • adriano.giudici

      14 Aprile 2017 - 21:09

      Un mio amico ristoratore dice che la loro carne è prelibata; purtroppo la loro caccia è vietata e pertanto il loro consumo è da ritenersi illegale.

      Report

      Rispondi

  • GianniM

    14 Aprile 2017 - 15:03

    Quando si tratta di difendere la libertà, non ci si può limitare alle deprecazioni, ma bisogna lottare. Io ho iniziato con l'ordinare, per questa pasqua, due agnelli - anziché uno - da gustare al forno.

    Report

    Rispondi

  • Dario

    Dario

    14 Aprile 2017 - 12:12

    Adesso a Berlusconi toccherà andare fino in fondo, e coccolarsi qualche grassa nutria o qualche zannuto cinghialotto. E così, tra l'altro, si giocherà la potente lobbie dei produttori di pennelli.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    14 Aprile 2017 - 11:11

    un primo sacrificio umano è già avvenuto a Milano 5 anni fa .Un tassista investe accidentalmente un cane .Scende per chiedere scusa alla coppia dei padroni che invece lo gettano a terra e lo massacrano di calci. Un mese di agonia il misero muore. Due gli assassini ma il giudice strabico assolve la ragazza e condanna a 14 anni l'uomo che 14 anni a volte causa le aggravanti si danno a ladri di polli. Spessi ci sono episodi di violenza da parte di padroni di animali contro chi tratta male animali anche vaganti. Il parlamenti è divenuto animalista con norme di leggi penali che elevano gli animali a parità con gli esseri umani. C'è da pensare che Caligola sia stato un antesignano e che Boldrini presto farà sedere in parlamento le due pecore che ha adottato ..

    Report

    Rispondi

    • mauro

      10 Giugno 2017 - 08:08

      Sì, ma la colpa non è degli animali ma dei giudici.

      Report

      Rispondi

    • marco.ullasci@gmail.com

      marco.ullasci

      17 Aprile 2017 - 19:07

      I parlamentari suddescritti pero' dimenticano tatticamente come si macellino gli animali perche' la loro carne sia halal.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

Servizi