Recensione critica del blitz in streaming in Stazione Centrale a Milano

Martedì trecento uomini della Polizia di stato – compresi i cinofili, i cavalli e perfino un elicottero – alle 14 e 30 hanno eseguito un blitz antidegrado

Recensione critica del blitz in streaming in Stazione Centrale a Milano

Foto LaPresse

Capita pure alla Stazione Termini di Roma. Capita di venire importunati su via Giolitti (c’hai ’na sigaretta?, come ti chiami bionda?) e cinquanta metri dopo essere fermati dalla polizia per un controllo ordinario (patente, libretto, dove andate?). Via Giolitti, una terra di nessuno dove a comandare è l’equilibrio instabile tra nordafricani, cinesi e Forze dell’ordine, la notte si trasforma in una distesa lunga cento metri di senza tetto, tutti ordinatamente schierati, avvolti nelle coperte della Caritas. Ma la Stazione Termini è a Roma e non è un caso se la cosa più bella della Roma grillina è il treno per Milano.

 

Poi però, appunto, c’è Milano. E c’è la Stazione Centrale, dove l’altro ieri trecento uomini della Polizia di stato – compresi i cinofili, i cavalli, perfino un elicottero – alle 14 e 30 hanno eseguito un blitz antidegrado. Così l’ha definito la questura: blitz antidegrado. Ma dato il dispiegamento di forze, chiunque per un attimo ha pensato pure alla guerra batteriologica, a Igor il Serbo, ad Abu Bakr al Baghdadi in persona beccato sulle scalette del metrò Centrale. E invece no, perché a un certo punto è arrivato Matteo Salvini, che ha arringato la folla su Facebook mentre il Corriere, forte dei suoi segugi antidegrado sparpagliati per la capitale morale d’Italia, riprendeva tutto in una diretta streaming hollywoodiana, e chissenefrega per una volta della privacy e delle norme di sicurezza. Ma qui non è Hollywood, come direbbe Pau dei Negrita (sempre sia lodato). In zona la tensione era alta sin dal 22 aprile scorso, quando un senegalese aveva aggredito due soldati di Strade sicure. Poi la cosa era degenerata, gli agenti accorsi in aiuto delle Forze dell’ordine erano stati circondati da un centinaio di persone e non è finita male per un soffio. Però l’altro ieri i poliziotti a caccia di degrado, alla fine del blitz, hanno portato in questura cinquantadue persone – selezionate, probabilmente, a seconda del grado di degradabilità. Ventisei di loro sono in attesa della decisione sulla loro espulsione o sul trasferimento nei centri di permanenza. Erano senza documenti, come parecchi dei migranti che lo stato è incapace di gestire. Denunciati? Nessuno. Ma allora, si domanda il cittadino medio che pure sarebbe contrario al degrado tout-court, l’elicottero sarà stato davvero per Baghdadi?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Tyron

    05 Maggio 2017 - 15:03

    e quindi? non ho capito cosa vorrebbe fare..lasciare che la stazione centrale di Milano sprofondi nella stessa palta in cui si trova quella di Roma? Ma basta per favore

    Report

    Rispondi

Servizi