Come cambia il business cinese a Milano

Aumenta l'export verso Pechino e dintorni. Perché "cresce l’interesse per prodotti ad alto valore aggiunto”? Lo spiega un manager milanese di un grande gruppo cinese

Come cambia il business cinese a Milano

via Flickr

Va forte la Cina in Lombardia e in particolare a Milano. I dati comunicati a ottobre dalla Camera di commercio mostrano che nei primi sei mesi del 2016 il volume di interscambi ha superato i 3,7 miliardi di euro: 2,9 miliardi di import, stabile in un anno e 829 milioni di export (+2,5%). Particolarmente interessante risulta qui l’aumento dell’export. Un aumento registrato già l’anno scorso a livello nazionale, allora del 3,8 per cento, per un volume pari a 3,4 miliardi di euro. Sulla Lombardia si concentra il 42 per cento delle importazioni e il 33 per cento delle esportazioni. L’area metropolitana assorbe il 20 per cento degli interscambi.

 

A colpo d’occhio i dati sembrano confermare che la metropoli lombarda resta il motore del paese. Quello che però i dati nudi e crudi non dicono è che il rapporto con la Cina, e gli interessi degli imprenditori cinesi, stanno cambiando, soprattutto per quel che riguarda il nostro paese. “Quello che molti non hanno ancora realizzato è che l’interesse dell’imprenditoria privata cinese non è più solo e tanto l’Italia come mercato di sbocco del made in China” spiega Airaldo Piva, direttore generale della Hengdian Group Europe. “La ruota sta girando e cresce l’interesse per prodotti ad alto valore aggiunto”. Il Hengdian Group – che prende il nome dall’omonima città, situata nella provincia dello Zhejiang, a circa 4 ore di auto da Shanghai – è, con un fatturato di 9 miliardi di dollari l’anno, tra i primi dieci gruppi privati cinesi. Composto da oltre 200 aziende e da 50 mila addetti, ha una struttura molto diversificata, divisa in quattro macro settori: elettronica, chimica-farmaceutica, cinema-entertainment e distribuzione. Il 99 per cento del fatturato viene prodotto in Cina, una percentuale che non è cambiata nemmeno dopo l’apertura nel 2007 della filiale europea.

 

Già ma perché si è scelto Milano e non Francoforte, per esempio? “Può suonare curioso visto che si parla di affari, ma il motivo è stato innanzitutto personale” spiega Piva. “Nei rapporti d’affari, una delle grandi differenze tra Cina e Giappone – ho lavorato per sedici anni per il gruppo giapponese Sumitomo – è che, mentre il giapponese punta sulla fiducia societaria, per il cinese conta la persona. Io conoscevo già il direttore Hengdian Group quando viene presa la decisione aprire una sede in Europa e per questo la guida è stata proposta a me. E io sto a Milano”. Poi c’è ovviamente Milano. “Nel 2006-2007 l’Italia presentava ancora un certo dinamismo, Milano era la città con il maggior grado di innovazione, di rapporti internazionali, con una interessante piazza finanziaria e ottime università. Infine c’è la posizione geografica”. Per questo i grandi gruppi cinesi, dal colosso degli elettrodomestici Haier a quello dei cellulari Huawei, e ovviamente le banche, hanno il quartier generale a Milano o provincia. Un posizionamento strategico allora, quando l’obiettivo era trovare mercati di sbocco, e ancora più ora, con l’interesse focalizzato innanzitutto su tecnologia, brand e management. “Oggi per il nostro gruppo, ma non solo, è più interessante il mercato interno cinese, perché continua a crescere, è meno complicato di quello europeo e con i prezzi in salita garantisce maggiori profitti”. Per mantenere questo trend, c’è però bisogno di alto valore aggiunto. E ci sono due modi per assicurarselo: sviluppare nuove tecnologie o acquisirle. Il gruppo al quale fa capo Piva, investe da una parte il 5 per cento del profitto nel suo centro di ricerca e sviluppo e in parallelo acquisisce tecnologia e know how all’estero. E la grande area metropolitana milanese offre anche qui interessanti opzioni di shopping di qualità: un tessuto produttivo diversificato e innovativo. “Non meno importante, aziende medio piccole che rendono più facili joint venture o acquisizioni da parte di imprese straniere” sottolinea Piva. Vantaggi che persistono, anche se, fa notare Piva, Milano in questi anni ha perso un po’ della sua attrattività. A iniziare dai collegamenti: dieci anni fa si sperava in Malpensa, nel frattempo i voli Alitalia per la Cina partono da Roma. E l’’incertezza del diritto resta un grande problema, anche se qui Milano risente e del sistema Italia”. Motivi per il quale le onorificenze nel frattempo conferite a Piva costituiscono un capitale da non sprecare: tra le più importanti c’è il China National Friendship Award, il più alto riconoscimento da parte della Repubblica popolare cinese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi