Il grande falso della trattativa

Cosa nostra, lo stato e la politica. La trama del “processo del secolo” è diventata una formidabile comica. Come e perché i nuovi professionisti dell’antimafia hanno tenuto in ostaggio un paese

Il grande falso della trattativa
In una delle ultime udienze del processo sulla cosiddetta trattativa stato-mafia, l’avvocato Giuseppe Di Peri, difensore di Marcello Dell’Utri, ha fatto garbatamente notare alla Corte d’assise come siano ormai passati più di quattro anni dal rinvio a giudizio e ancora l’istruttoria dibattimentale non solo non si sia conclusa ma venga continuamente alimentata da sempre nuove richieste di acquisizione di nuovi atti da parte della pubblica accusa. L’avvocato Di Peri ha perfettamente ragione nel segnalare la questione come una anomalia ma...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Silvius

    23 Settembre 2017 - 15:03

    Nemmeno Graham Greene... È il caso di dire che la fantasia supera la fantasia.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    31 Luglio 2017 - 17:05

    No, caro Bordin, non per gli sceneggiatori, ma per l'acefala imbecillità delle platee: vivono dello stesso cibo dei coprofagi. Dura veritas, sed veritas: i voti delle platee sono terreno di caccia per ogni aspirante politico. Ora ci prova Di Matteo. Conta sulla platea grillina.

    Report

    Rispondi

Servizi