Sabato e domenica nel Foglio. Che cosa c'è nell'inserto culturale del fine settimana

Come tutti i weekend nel giornale ci sono dodici pagine di inserto culturale

Sabato e domenica nel Foglio. Che cosa c'è nell'inserto culturale del fine settimana

Come tutti i weekend nel giornale ci sono dodici pagine di inserto culturale. E in più in regalo un numero da collezione. Ecco che cosa trovate in edicola (e potete scaricare qui dalla mezzanotte di venerdì)

 


 

C’è bisogno di risurrezione – “Viviamo in un mondo senza verità”. Colloquio con padre Paul Scalia, figlio del giudice della Corte suprema degli Stati Uniti. “Oggi può essere più facile parlare di fede a chi sta fuori dalla chiesa” – di Matteo Matzuzzi


Il global siamo noi – Non c’è più un uomo senza  smartphone. Da dieci anni è lo strumento che  ci mette in contatto col mondo. Una sinfonia di modernità – di Alberto Brambilla


La fabbrica delle ingiustizie – Dopo Contrada, un’altra sentenza assolve gli innocenti che già scontavano l’ergastolo per Borsellino – di Riccardo Lo Verso


Di buon Mattino – Così il giornale di Napoli e il suo direttore Alessandro Barbano sono diventati un avamposto di garantismo anti gogna – di Marianna Rizzini


Brexit contro Brexit – Ma quanto sono insofferenti questi inglesi. Non è che  l’unico modo per uscire dall’Europa è restarci? – di Paola Peduzzi


Gli scrittori del sole/4Scrivo per raccontare mio padre e il suo dolore nel mio – Domenico Starnone a confronto con le sue ossessioni: il disastro del successo, il tempo che resta, la porta d’ingresso per qualcosa di   nuovo, l’impossibilità della compiutezza e quello stronzo di Mirò – di Annalena Benini


L’altro mondo di Versace – Vent’anni fa, la morte dello stilista. L’unico che permetteva a una donna di sentirsi semplicemente “figa” – di Fabiana Giacomotti


Il pirata del surf – Funerale di popolo nell’oceano per Jack O’Neill, inventore della muta moderna. Un mito californiano nella città più hippy d’America – di Michele Masneri


Il liberty ritrovato – Fiori, nudi e linee eleganti che s’intrecciano:  un vortice voluttuoso sulla modernità. Oggetti e manifesti in mostra da Praga a Trieste – di Maurizio Stefanini


Per non rischiare di andare a vedere il film sbagliato ecco Nuovo Cinema Mancuso, una rapida guida per sapere cosa non perdersi in sala


Le foto della guerra giusta – Dopo il Califfo, a Mosul torna la vita, tra bambini in festa e poesie recitate in una tenda – di Adriano Sofri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi