Tremendo Brasil

Classe politica sotto inchiesta, allarmi sanitari, lavori non ancora finiti: le Olimpiadi di Rio (e tutto un paese) a rischio fallimento. Con un’offerta in crescita in tutto il paese, Airbnb confida nel successo dei Giochi. Ma un gruppo di 170 scienziati ha scritto una lettera aperta all’Oms chiedendo il rinvio della manifestazione per il pericolo dell'epidemia di Zika.
Tremendo Brasil

Un atleta impegnato in una gara di salto nel campionato iberoamericano che si è svolto in maggio a Rio, ultimo test prima dei Giochi che inizieranno il 5 agosto (foto LaPresse)

Airbnb, e l’Organizzazione mondiale della sanità. La legittima presidentessa è stata sospesa dall’incarico, il suo vicepresidente – diventato suo nemico e presidente a interim – ha fatto un governo che sta a sua volta perdendo un ministro a settimana, “gialli” giustizialisti e “rossi” antigolpisti si affrontano nelle strade, i lavori e i pagamenti sono indietro, il paese è in recessione, c’è paura che l’Isis approfitti della situazione per fare qualche mattanza, il presidente della Fiat Chrysler Argentina Cristiano Rattazzi ha appena detto che bisogna “scappare dal Brasile”, all’allarme sulle schifezze che potrebbero infettare velisti, nuotatori e canottieri si è ora aggiunto anche quello sull’epidemia di Zika. Ma, appunto, il colosso della sharing economy dell’accoglienza e l’agenzia Onu che si occupa di salute ostentano di credere ancora nel successo di quei Giochi di Rio de Janeiro che a due mesi dall’inaugurazione in agenda per il 5 agosto si presentano già come l’appuntamento più travagliato di tutta la storia delle Olimpiadi moderne.

 

Ma anche il loro entusiasmo ha risvolti che paradossalmente confermano il bruttissimo momento che il Brasile sta attraversando. Seconda startup dello sharing dopo Uber per valore di mercato, Airbnb attraverso Internet permette di trovare una sistemazione in alloggi privati, appartamenti o intere case: 1.500.000 proprietà immobiliari in 34.000 città di 190 paesi. E a Rio de Janeiro tiene in maniera particolare perché si tratta del suo quarto maggior mercato a livello mondiale, dopo Parigi, New York e Londra. Ebbene: la piattaforma a Rio ha ora 25.000 annunci, di fronte ai 20.000 di un anno fa, e ai 900 del 2012. Possibile, con un’economia di cui all’inizio di giugno è stato confermato che tra gennaio e marzo si è contratta dello 0,3 per cento? Si tratta in realtà di una recessione un po’ minore rispetto allo 0,8 che si attendeva, ma che è stata innescata soprattutto da un crollo del consumo delle famiglie brasiliane pari al 6,3 per cento, mentre il consumo del governo si è ridotto solo dell’1,4. E poi c’è la disoccupazione che è arrivata al livello record dell’11,2 per cento: 11,4 milioni di persone, una cifra che equivale quasi all’intera popolazione di San Paolo. Il fatto, però, dicono alla sede centrale dell’Airbnb di San Francisco, è che “la crisi economica è in realtà uno dei motori chiave per la crescita della nostra offerta in tutto il Brasile”. Perché significa più gente che vuole risparmiare e più gente che cerca di guadagnare qualcosa offrendo le proprie abitazioni in una città dove per la carenza di investimenti gli hotel sono in genere fatiscenti, con stanze piccole e umide ma con prezzi alti. Da quando nel 2009 Rio fu designata come sede dei Giochi, la capacità di accoglienza è stata raddoppiata, ma tutto ciò che in più è stato realizzato basterà appena per i funzionari del Comitato olimpico internazionale. Già in occasione del Mondiale di calcio un turista su cinque si sistemò grazie a Airbnb.

 


(foto LaPresse)


 

Sull’onda del successo sono nati cloni brasiliani che offrono un tipo di servizio simile, come Hotel Urbano o Alugue Temporada. La proporzione è destinata presumibilmente ad aumentare, dopo che si è saputo che i due Holiday Inn della nuova zona portuaria di Rio non saranno pronti solo nel 2017. Anche il Trump Hotel vicino al parco olimpico sta tardando, ma il candidato repubblicano alle prossime presidenziali americane giura che tutto sarà pronto per l’inizio dei Giochi. Si sarà sistemato in una struttura targata Airbnb anche il turista africano ai Mondiali che secondo un’ipotesi avrebbe portato in Brasile lo Zika? In realtà, secondo Airbnb l’epidemia di Zika ha portato sì a un boom di richieste di informazioni, per rispondere alle quali verrà anche aperto Rio un’ufficio temporaneo con la partecipazione di esperti, ma non a un crollo delle prenotazioni. Verrà dunque gente: troppa, secondo un gruppo di 170 scienziati, che ha scritto una lettera aperta all’Organizzazione mondiale della sanità, chiedendo appunto un rinvio delle Olimpiadi. Così come si fece nel 1916 per i Giochi in agenda a Berlino, nel 1940 per quelli di Tokyo e nel 1944 per quelli di Londra. Allora l’impedimento furono le due guerre mondiali; adesso è l’epidemia di Zika, con 120.000 casi confermati in poco più di un anno. “Si crea un rischio non necessario se si permette che 500.000 turisti stranieri di tutti i paesi viaggino ai Giochi, acquisiscano potenzialmente il virus e tornino alle loro case in luoghi dove potrebbe diventare endemico”, dicono. Insomma, un comportamento “non etico”.

 

“In base alla valutazione attuale, cancellare o cambiare il luogo dei Giochi olimpici non altererebbe la propagazione internazionale del virus Zika in modo significativo”, ha risposto l’Oms. “Il Brasile è solo uno dei quasi 60 paesi e territori che finora hanno riportato una trasmissione dello Zika atraverso le zanzare. La gente continua a viaggiare in queste zone per varie ragioni”. Ma, anche qui, quando l’Oms aggiunge che “la miglior maniera di ridurre il rischio di infermità è di seguire le avvertenze di viaggio delle autorità sanitarie” e poi sconsiglia alle donne incinte di andare a Rio e chiede ai loro partner “che pratichino sesso protetto o si astengano durante la gravidanza”, non è che faccia proprio il migliore degli spot, per una città che il turismo internazionale spesso esalta proprio come luogo di divertimenti sessuali e bagnanti dai costumi ridotti talmente al minimo, che proprio da queste spiagge ha preso il nome la ormai imperante “ceretta alla brasiliana”.

 

Purtroppo, peraltro, anche senza il virus che fa nascere neonati microcefali l’incontro con le acque di Rio de Janeiro sarebbe inferiore alle aspettative. Già un anno fa un’indagine commissionata dall’Associated Press al noto virologo Fernando Spilki aveva accertato gravissimi rischi per i 1.400 sportivi che dovrebbero navigare per la Marina da Glória della Baia di Guanabara, nuotare lungo le spiagge di Copacabana o remare per le acque salate del lago Rodrigo de Freitas. Tutti luoghi incantevoli, sia ben chiaro, visti da lontano, attraverso gli schermi tv. Per questo li hanno scelti. Visti da vicino, però, sono un lurido brodo di batteri e virus, risultato degli scarichi di gran parte dei gabinetti e delle docce di Rio. “L’acqua di qualità più infima mai vista nella mia carriera”, l’ha descritta l’allenatore della squadra austriaca Ivan Bulaja, dopo che il suo allenato David Hussel per averci nuotato si era ammalato, con febbre e vomito. “Acque reflue”, le ha definite il biologo marino John Griffith. La Ap ha denunciato che mentre in California scatta l’allarme quando si passa la soglia dei 1.000 adenovirus per litro al lago Rodrigo de Freitas si sta tra i 14 milioni e i 1.700 milioni. Gli esperti avvertono che probabilmente i brasiliani non se ne accorgono perché ci sono abituati, ma gli ospiti avrebbero il 99 per cento di possibilità di prendersi un’infezione se ingurgitassero appena tre cucchiate di acqua. La Società delle malattie infettive di Rio consiglia comunque a tutti gli stranieri che vogliono andare a Rio di vaccinarsi contro l’epatite A; un organismo omologo Usa aggiunge che bisognerebbe anche farsi un vaccino contro il tifo. Una vasta opera di decontaminazione è stata in effetti iniziata, ma non si concluderà che nel 2030.

 

A dicembre all’emergenza sanitaria si è poi aggiunta quella economica, quando il portavoce di Rio 2016 Mario Andrade ha spiegato che per via dei tagli imposti dalla crisi economica, gli atleti, se vorranno nelle loro stanze aria condizionata e televisori, dovranno pagarseli da soli. Nel contempo la compagnia scozzese Aggreko, dopo aver provveduto a illuminare nove Olimpiadi e sei Mondiali di calcio, annunciava il suo ritiro dalla gara di appalto per le forniture di elettricità al villaggio olimpico. A quanto pare, per le voci di ritardi sui pagamenti. E la Reuters commentava che le società rimaste in gara erano talmente inadeguate che “è probabile che chiunque vinca sarà costretto a chiedere generatori in leasing ad Agrekko”. Sempre a dicembre risaliva l‘informazione che i lavori erano in ritardo di 12 mesi rispetto alla tabella di marcia di Londra, e che il numero delle persone assunte aveva dovuto essere ridotto da 5.000 a 4.500.

 

A marzo è venuto anche l’allarme terrorismo, con il ministro della Difesa uruguayano Eleuterio Fernández Huidobro che in un’intervista al quotidiano di Montevideo El País ha parlato di un rischio Isis e della necessità di stabilire un coordinamento tra paesi frontalieri per evitare che “questi anormali facciano attentati”. “Il Brasile è minacciato. Non domandatemi perché o per cosa: so che è minacciato”. Dichiarazioni in linea sia con le preoccupazioni espresse da ambienti dei servizi di sicurezza brasiliani citati dal giornale O Estado de S. Paulo, sia con le stime della società di consulenza Soufan Group riportate dal Clarín di Buenos Aires, su 23 combattenti argentini e tre brasiliani attualmente nei ranghi dell’Isis. E Fernández Huidobro è uno che di terrorismo se ne intende: tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio dei Settanta fu nientemeno che il capo dei Tupamaros. Organizzatore di rapimenti, rapine, attentati e azioni clamorose come la “Toma de Pando” o il “Plan Satán”. In attesa che arrivino i jihadisti, comunque, è già in aumento anche il livello di delinquenza di strada, pur con un tasso di omicidi relativamente basso a Rio rispetto al resto del Brasile. Come ha denunciato Amnesty Internaional, ben 307 persone nel 2015 sono state peraltro uccise dalla polizia: un quinto di tutti i morti ammazzati. E nove persone sono morte durante i lavori.

 

Ad aprile c’è stato poi il collasso della pista ciclabile sopraelevata, abbattuta pochi mesi dopo l’inaugurazione da un’ondata gigante che ha ucciso due persone. Così si è rivelata anche l’emergenza sul tema infrastrutture, con una estensione della metro che è di vitale importanza per collegare le zone della spiaggia con il villaggio olimpico ma che è ancora in costruzione. In ritardo anche il centro di tennis e il velodromo, anche se si è riusciti a terminare in tempo parco olimpico, villaggio olimpico e campo da golf. Gli organizzatori promettono che i vagoni della metro inizieranno a viaggiare a luglio, ma secondo gli esperti così mancherà il tempo per metterli veramente alla prova in tempo per il 5 agosto. Che è la data dell’inaugurazione, come si è detto. Ma non si sa ancora chi inaugurerà. Dilma Rousseff è stata sospesa da presidente in attesa del giudizio definitivo per le “pedalate fiscali”: un sistema di finanza creativa con cui ha dirottato i soldi dei programmi sociali per coprire buchi di bilancio vietati dalla legge. Su di lei pende anche un’inchiesta per finanziamento illegale della campagna elettorale, e quell’accusa coinvolgerebbe Michel Temer: il vicepresidente che dopo essere stato eletto assieme a lei le si è ora rivoltato contro, è diventato presidente a interim e se il 3 agosto il Senato condannasse Dilma, diventerebbe presidente a tutti gli effetti. Di suo Temer è inoltre sospettato di aver fatto transazioni illegali di etanolo.

 


Dilma Rousseff (foto LaPresse)


 

Numero tre nella successione è il presidente della Camera, ma il titolare Eduardo Cunha dopo aver autorizzato l’apertura del processo contro Dilma è stato a sua volta sospeso da un giudice del Supremo tribunale federale. Motivo: è accusato di aver ricevuto nello schema dello scandalo Petrobras 5 milioni di euro che avrebbe depositato in Svizzera. A quel punto è subentrato automaticamente il vicepresidente Waldir Maranhão, anche lui sotto inchiesta: sia per sviamento di 85 milioni di dollari di fondi municipali; sia per tangenti tra gli 8000 e i 42.000 dollari al mese nello scandalo Petrobras. Numero quattro in successione sarebbe allora il presidente del Senato Renan Calheiros: sospettato per evasione di imposte e ricezioni di fondi mensili da un lobbista, che avrebbe usato per mantenere una ex amante. In totale, hanno imputazioni di qualche tipo almeno 298 dei 513 deputati e 48 degli 81 senatori. Dopo che la Camera aveva rinviato a giudizio Dilma Rousseff con 367 voti contro 137, il Senato l’ha sospesa con 55 voti contro 22: un voto in più di quello che servirebbe anche per la destituzione definitiva. Ma qui basterebbero un paio di sospensioni di senatori “strategiche” per rimettere la presidentessa in gioco: esattamente quel che il nascente “partito dei giudici”, che guarda all’ammiratore di Di Pietro Sérgio Moro, potrebbe pensare di fare per imporsi come king maker tra gli schieramenti.

 

A ogni modo, Temer ha assunto il potere il 12 maggio. Già il 20 ha dovuto rinunciare all’accorpamento del ministero della Cultura in quello dell’Educazione, in seguito a una protesta di artisti e intellettuali arrivata anche a Cannes, con i cartelli contro il “golpe” esibiti da Sonia Braga e dagli altri attori del film “Acquarius”. Il 23 maggio l’importante ministro della Pianificazione Romero Jucá è stato costretto alle dimissioni, dopo che era saltata fuori un’intercettazione da cui si diceva a favore di una “soluzione politica” per bloccare le indagini sullo scandalo Petrobras. E il 30 maggio per un’intercettazione simile è saltato anche il ministro della Trasparenza Fabiano Silveira.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi