Pm che sbagliano

Condanna per il tarantino Di Giorgio e assoluzione per il senatore Loreto, ingiustamente arrestato da Woodcock

Luciano Capone

Email:

capone@ilfoglio.it

Pm che sbagliano

Foto LaPresse

Roma. Si è conclusa con una condanna definitiva a 8 anni da parte della Corte di cassazione la vicenda giudiziaria, sovrapposta a quella politica, del magistrato Matteo Di Giorgio. L’ex sostituto procuratore di Taranto era stato arrestato nel 2010, con l’accusa di corruzione e concussione per aver pesantemente condizionato e influenzato la vita politica del suo paese, Castellaneta in provincia di Taranto, abusando del suo ruolo e dei suoi poteri. Secondo le accuse formulate dalla procura di Potenza, competente sui magistrati tarantini, Di Giorgio aveva costretto un consigliere comunale a dimettersi sotto la minaccia dell’arresto di alcuni suoi familiari, causando in questo modo lo scioglimento del consiglio e la caduta dell’amministrazione comunale.

Elogio dei magistrati che scendono in campo contro la cultura del sospetto

Dal caso Woodcock al codice antimafia. Le “perplessità” di Cantone, le sciagure della giustizia mediatica, chi si ribella

L’ex pm, strumentalizzando le funzioni della toga, aveva costruito una sua rete di potere per contrastare i propri avversari politici e favorire gli alleati come Italo D’Alessandro, poi effettivamente eletto sindaco di Castellaneta, e anch’egli condannato a tre anni. Tra i reati c’è anche quello di concussione, perché il magistrato tarantino avrebbe fatto pressioni su alcuni imprenditori per colpire avversari e ricevere vantaggi per la propria famiglia sotto la minaccia di un sequestro che sarebbe arrivato e che lui avrebbe potuto evitare. Nel comune pugliese era stato creato un “sistema Di Giorgio” basato sul potere giudiziario, rafforzato dall’uso disinvolto della polizia giudiziaria a fini personali e allargato a una parte della politica locale, che aveva come principale nemico Rocco Loreto, senatore del centrosinistra e storico sindaco della cittadina. Il magistrato era di fatto un punto di riferimento dell’amministrazione, faceva incontri politici e aveva pensato di candidarsi anche alle elezioni provinciali.

Il metodo Woodcock e le storture dell’ordinamento giudiziario

La politica si è lasciata influenzare da una magistratura che vuole coniugare l’allarme-mafia con l’allarme-corruzione. Chi fa le leggi davvero?

L’inchiesta della procura di Potenza nasce nel 2007, dopo un esposto di un ex assessore comunale che ammette di aver subito pressioni per far cadere la giunta Loreto e andare ad elezioni anticipate che vedranno vincente la fazione degli amici del pm. Nel 2014 arriva una condanna a 15 anni in primo grado, poi ridotta a 12 anni e mezzo in appello e infine a 8 per la prescrizione di alcuni capi d’accusa e della concessione della attenuanti.

  

Ma la storia giudiziaria di Di Giorgio si intreccia con quella davvero paradossale del suo storico avversario politico, terminata qualche mese fa, dopo 16 anni, con un’assoluzione. Loreto infatti nel 2001 ha la sfortuna di incrociare un giovane e all’epoca poco conosciuto magistrato della procura di Potenza: Henry John Woodcock. Il senatore aveva presentato un dossier al ministero della Giustizia, al Consiglio superiore della magistratura e alla procura generale di Cassazione sul pm Di Giorgio e sul suo sistema di potere. Gli atti vengono poi inviati dal ministero alla procura di Potenza, competente sui colleghi tarantini, e finiscono sulla scrivania di Woodcock.

 

In breve tempo l’esposto contro il pm Di Giorgio si trasforma in un’accusa di calunnia nei confronti del senatore Loreto: sostanzialmente il rampante pm anglo-napoletano crede al collega tarantino. Il 4 giugno 2001, appena finito il suo mandato da senatore e senza più l’immunità parlamentare, Loreto viene addirittura arrestato su richiesta di Woodcock. Nel suo primo giorno da ex parlamentare, alle 7 del mattino, ad aspettarlo davanti alla porta di casa ci sono i carabinieri e, poco più in là, sul terrazzo della palazzina di fronte, i fotografi con il teleobiettivo. Le immagini dell’arresto finiscono sui giornali e Loreto si fa 15 giorni di custodia cautelare, quattro in carcere e 11 agli arresti domiciliari, prima che il tribunale del riesame di Potenza annulli la misura restrittiva per assenza di gravità indiziaria.

Ahia, Woodcock: tutti assolti a Roma per Cpl Concordia

Il filone romano si è concluso con il proscioglimento di tutti gli imputati

   

Dal giugno 2001 il primo grado del processo per calunnia avviato da Woodcock si conclude, dopo che Loreto ha rinunciato alla prescrizione, nel maggio 2017 con una sentenza di assoluzione perché il fatto non sussiste. Nel frattempo, in questi sedici anni, altri magistrati di Potenza avviano il processo che porterà alla condanna definitiva di Di Giorgio e Woodcock tante altre inchieste sempre più clamorose, dal Savoiagate a Vallettopoli, dalla P4 alla Cpl Concordia fino al più recente caso Consip.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Silvius

    22 Settembre 2017 - 21:09

    La fine del mondo verrà provocata da un pm. Me lo sento.

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    11 Agosto 2017 - 15:03

    Si vengono a sapere vicende sconcertanti. Questa in particolare mi conferma nella convinzione che un risanamento dell'attività della Magistratura può partire solo all'interno della magistratura stessa. Solo se al suo interno emergeranno figure di statura morale, sapienza giuridica e senso della giustizia scevre da contaminazioni politiche e mediatiche, si può sperare in una rigenerazione di quella che è la più importante funzione del nostro ordinamento istituzionale. Certo ci vuole gente con le palle, con un coraggio della madonna. Le leggi potranno venire dopo, quando fosse emerso un ceto di magistrati di tale levatura.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    11 Agosto 2017 - 14:02

    In Italia ci sono associazioni delle vittime per qualunque drammatica vicenda abbia coinvolto persone .Scendendo a livello più cronachistico forse sarebbe che sia fondata la Associazione Vittime di Woodkoc.

    Report

    Rispondi

    • carlo schieppati

      11 Agosto 2017 - 19:07

      Avevano già fatto l'Associazione vittime di De Magistris: ha avuto due mandati a Sindaco di Napoli. Forza Vesuvio!

      Report

      Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    11 Agosto 2017 - 14:02

    Ma allora è chiaro, evidente, l'uomo solo al comando esiste davvero, appartiene alla specie più pericolosa: quella dei pavoni narcisi col codazzo dei suoi lucida penne. Piercamillo scruta e osserva e valuta e pensa ...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi