Il codice Antimafia “non tutela le libertà fondamentali”

I dubbi di Confindustria sulla riforma, che prevede di estendere le misure di prevenzione come la corruzione e il peculato anche ai reati contro la Pubblica amministrazione

Il codice antimafia “non tutela le libertà fondamentali”

LaPresse / Roberto Monaldo

Esiste un legame molto stretto tra l’economia e l’azione della giustizia. E parlarne apertamente, uscendo dal recinto delle ideologie, non può che far bene al paese. Perché, vogliamo dirlo subito, se non si trova un nuovo e convincente equilibrio tra le ragioni dell’impresa e quelle della giustizia, civile e penale, corriamo il rischio che nel lungo termine l’apparato industriale arrivi alla paralisi. A nessuno sfugge, infatti, che lo sviluppo di ogni paese avanzato è sì intimamente legato alla capacità di...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi