Corona, la mafia non c'entrava

In uno stato di diritto è giusto che paghi per i reati commessi, non per i peccati o per il cattivo esempio

Corona, la mafia non c'entrava

Fabrizio Corona esulta dopo la lettura della sentenza (foto LaPresse)

Il giudice ha deciso: la mafia non c'entrava. I pm cercavano i panetti di droga, invece hanno trovato un evasore fiscale che nascondeva i soldi nel controsoffitto. Da traviatore di costumi a mafioso, il passo è breve. Sottrarre i soldi al fisco è un reato grave, per carità, che però costa a Fabrizio Corona, per decisione del giudice, un solo anno di carcere. Insomma, una condanna light, la procura ne chiedeva cinque contestando pure l'intestazione fittizia di beni e la violazione delle norme patrimoniali sulle misure di prevenzione, entrambe le imputazioni 'pesanti' sono cadute per decisione del giudice.

 

Lo scorso ottobre però sono servite ad arrestarlo davanti al figlio 14enne, manco fosse Al Capone. Affidamento revocato, si torna dietro le sbarre. La mafia non c'entrava. L'indagine, va ricordato, partiva da una denuncia dello stesso Corona che si dichiarava vittima di estorsione. La vicenda non sarebbe deflagrata se l'antimafia ambrosiana (citofonare Dda) non ci avesse messo lo zampino. Corona non torna in libertà perché deve terminare di scontare le pene definitive accumulate. Ma in uno stato di diritto è giusto che paghi per i reati commessi, non per i peccati o per il cattivo esempio o per gli eccessi della sua condotta di bello e dannato.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    13 Giugno 2017 - 12:12

    Da quando Corona ha iniziato la sua avventura giudiziaria il Foglio ,lo ha guardato con giusta attenzione dubitando che la giustizia ,al solito,esagerasse indugiando più su la morale che sul codice penale. La tenenovela ormai dura da troppi anni per non mostrare la trama della tela e così si è ridotta da una parte all'ammuina del bel tenebroso e dall'altra di un fesso che si è messo in testa di essere più furbo dei pm e anche di avere doti da salamandra che attraversa il fuoco con poco danno.

    Report

    Rispondi

Servizi