Il "metodo Napolitano" contro l'ipocrisia sulle intercettazioni

Dalle pubblicazioni abusive al caso D’Ambrosio, la lunga lotta dell’ex capo dello stato per una giustizia giusta

Il "metodo Napolitano" contro l'ipocrisia sulle intercettazioni

Giorgio Napolitano (foto LaPresse)

Si è detto molto sul postribolo delle intercettazioni: ma forse, non tutto. Pare che Giorgio Napolitano abbia voluto colmare la lacuna. In questi giorni ha dichiarato che molte delle critiche mosse su questa materia sono ipocrite. Muovendo dal caso Consip, ha introdotto una critica di sistema. Giudizio impegnativo, ma ben fondato, specie considerando i suoi anni da Presidente (anche) del Csm. Quando ha infatti intessuto una fitta trama di rilievi, ammonimenti, proposte sulla giustizia penale. Come ha rilevato Giuseppe Di...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi