Cercansi magistrati anti ayatollah

Una repubblica giudiziaria può essere salvata solo da pm illuminati. Esempi

Cercansi magistrati anti ayatollah

Foto LaPresse

Viviamo in una repubblica giudiziaria, e questo lo sappiamo. Ma quello che forse non sappiamo, o che almeno stiamo iniziando a scoprire solo oggi, è che per liberarci dalle ganasce della magistratura cieca e politicizzata non resta probabilmente che sperare che siano proprio dei magistrati, quelli illuminati, a salvarci dagli ayatollah delle procure.

Gogne e procure, i nostri veri poteri forti

Pm indagati, fughe di notizie, informative manipolate, intercettazioni nel ventilatore della melma. Lo “scoop” sui Renzi e l’autogol manettaro. Il caso Consip sta diventando la Caporetto del giustizialismo italiano

Le parole consegnate ieri dal nuovo capo dell’Anm Eugenio Albamonte, che i lettori di questo giornale hanno imparato già a conoscere, sono non solo...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzolodigiani

    20 Maggio 2017 - 15:03

    Caro Direttore, speriamo allora che contro la gogna ci sia Albamonte, a capo della Anm che non la pensa affatto come lui.

    Report

    Rispondi

  • mauro

    20 Maggio 2017 - 09:09

    Effettivamente, il livello di progresso raggiunto, che considera vergognoso qualsiasi pensiero di rivolta al sistema ( per quanto ci riguarda; gli altri, i diversi, anche se guai a considerali tali, bisogna capirli) ha lasciato irrisolto il problema, per le minoranze non succubi, del come reagire al tiranno, o tirannello, di turno. Almeno, nei secoli bui, ovvero prima del 1968, si poteva cospirare, adesso si può solo sperare che, a babbo morto, il presunto (d'obbligo il presunto, a riprova della inoppugnabile imparzialita del sistema) tiranno si ravveda.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    19 Maggio 2017 - 22:10

    Al direttore – Ben detto: “Similia similibus curantur”. Per essere più sicuri, il proverbio recita: “Cane non mangia cane”, non sarebbe meglio il: “Contraria contrariis curantur?” Ma non sottilizziamo. E pensare che il metodo più semplice, efficace, risolutivo è Made in Foglio: le procure spifferano, intercettazioni ancora segrete, senza alcuna rilevanza penale, cioè sputtanamenti gossipari pro gogna mediatica?, il Foglio non le pubblica. Claro?

    Report

    Rispondi

Servizi