Theresa May decide la data e l'ora della Brexit

Il primo ministro ha scritto al Telegraph che il divorzio tra Gran Bretagna e Unione Europea si farà il 29 marzo del 2019, alle 23

La conferma elettorale di May

Londra, Theresa May in conferenza stampa al 10 di Downing Street (foto LaPresse)

La Gran Bretagna uscirà dall’Unione europea il 29 marzo 2019, alle ore 23. La premier è stata perentoria e ha detto che “non tollererà nessun tentativo di bloccare la Brexit” in un emendamento della Withdrawal Bill, la legge che dovrebbe dettare le linee guida per l’uscita dall’Ue.

  

In un intervento sul Daily Telegraph ha sottolineato che la decisione di determinare data e ora per la Brexit è un atto dettato dalla necessità di far capire una volta per tutte che “la Brexit ci sarà”. Il progetto di legge ha già superato la sua seconda lettura e ora deve ancora scontrarsi con i tentativi di modifica. “Non accetteremo”, scrive la May, “che qualcuno tenti di fermare le volontà del popolo britannico”. “Avrete la miglior Brexit possibile e verrà effettuata nel migliore dei modi per le famiglie e le aziende di tutto il paese”.

  

La data non sorprende, l’aveva già detto a Firenze: e l’ora è il punto fondamentale del messaggio della premier che ha deciso di prendere in considerazione non la mezzanotte di Londra ma quella di Bruxelles.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi