Cosa vuole il ciudadano Albert Rivera dalla crisi in Catalogna

Il partito centrista è più unionista di Rajoy, difficile per una formazione di origini catalane. Una deputata ci spiega la strategia

Eugenio Cau

Email:

cau@ilfoglio.it

Cosa vuole il ciudadano Albert Rivera dalla crisi in Catalogna

Albert Rivera (foto LaPresse)

Roma. Ciudadanos, partito centrista con le radici a Barcellona e il cuore a Madrid, ha assunto una posizione difficile davanti alla gran crisi dell’indipendentismo catalano. Partito nato in Catalogna e cresciuto lì, che solo da pochi anni ha fatto il salto nazionale, davanti all’idea della secessione si è fatto più realista del re, o meglio: più unionista di Mariano Rajoy. Albert Rivera, leader trentenne cresciuto a Barcellona, dal primo di ottobre, giorno del referendum illegale, pungola il primo ministro spagnolo....

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi