The day after. I conti con la realtà economica di cui i separatisti catalani non parlano

Dazi doganali, rischi per l'occupazione e gli investimenti, una contrazione del pil locale che potrebbe arrivare fino al 30 per cento. E poi l'iter per essere riammessi in Ue, che ripartirebbe da zero

The day after. I conti con la realtà economica di cui i separatisti catalani non parlano

Manifestanti a Barcellona (Foto LaPresse)

Roma. Poniamo che la Catalogna ottenga la separazione dalla Spagna, grazie a un referendum che dal punto di vista della legge è stato un atto eversivo e con valore nullo. A partire da quel momento la regione sarebbe fuori dall’Unione europea e comincerebbero i primi guai. I catalani separati non vogliono stare fuori dall’Unione per tutta una serie di vantaggi e quindi dovrebbero far partire da zero (da fuoriusciti) l’iter per chiedere l’adesione, come altri paesi – per esempio l’Albania e la Serbia – ma l’ammissione richiederebbe il voto unanime di tutti i paesi membri ed è assai probabile che la Spagna si opporrebbe. I catalani non hanno una risposta precisa a questo problema inaggirabile e dicono che Bruxelles alla fine non potrà lasciare fuori una repubblica indipendente che conta circa sette milioni di abitanti, ma è abbastanza chiaro che l’Unione europea tende a scoraggiare e a trattare con durezza queste iniziative distruttrici – esattamente come sta facendo con il Regno Unito che nel giugno 2016 scelse la Brexit, però con un referendum vero – perché non vuole che gli stati si frantumino in uno sciame di staterelli. Quindi è possibile che la nuova repubblica catalana resterebbe per un periodo di tempo indeterminato fuori dall’Unione europea. Il che porta conseguenze economiche serie.

 

Senza accesso al mercato comune, spostare le merci costa di più perché alle frontiere si pagano i dazi, che sono previsti dalle leggi, e questo vuol dire che rispetto a prima i beni che arrivano dall’estero costano di più e i beni che vanno all’estero devono essere venduti a un prezzo inferiore per essere competitivi. I dazi non sono inevitabili, ma è chiaro che la Spagna abbandonata sarebbe il primo partner commerciale ed è possibile che non offrirebbe condizioni di favore. Secondo i dati di Cnbc, almeno il 30 per cento delle esportazione catalane sarebbero dirette naturalmente verso la Spagna: in questo caso i dazi colpirebbero un mercato enorme, con possibili ricadute sull’occupazione. Vengono anche meno tutta una serie di garanzie e di protezioni finanziarie di cui non ci accorgiamo mai perché siamo troppo occupati a pensare all’Europa come a una matrigna, ma che aiutano a tenere lontana la pressione degli speculatori. Inoltre c’è da contare che l’incertezza scoraggia gli investimenti da fuori – perché i rischi sono più alti al di fuori di un sistema stabile. Per non parlare dell’accesso ai fondi europei, per esempio quelli dedicati alla ricerca. Sul breve termine ci sarebbero da pagare dei costi, di cui però si sente parlare pochissimo in queste giornate molto riempite dalla brutalità poliziesca di Madrid.

 

I separatisti sostengono che la Catalogna è svantaggiata perché attraverso il prelievo fiscale i catalani consegnano al governo centrale spagnolo più soldi di quanti poi ne ottengono indietro sotto forma di servizi, in pratica pagano troppo. Ma se i catalani si staccheranno da un sistema così organico e interconnesso come è l’economia europea, soffriranno una perdita economica che sarà più grave. Secondo i dati dell’istituto italiano Iai (Istituto Affari Internazionali), oggi i catalani in media pagano duecentoventi euro in più ogni anno rispetto a quanto ricevono (che è una cifra molto bassa e normalissima in tutti gli stati avanzati, dove è pacifico che ci siano zone leggermente più sviluppate e zone leggermente in ritardo), ma secondo il ministro dell’Economia spagnolo con la separazione rischiano una contrazione del pil locale che potrebbe arrivare fino al 30 per cento. Se anche fosse una stima da correggere al ribasso, sarebbe comunque un risveglio molto brusco, considerando che intanto la Spagna è in ripresa e negli ultimi due anni ha registrato una crescita del pil superiore al tre per cento (da quanti anni in Italia non si cresce sopra al tre per cento?).

 

Una repubblica catalana fuori dall’Europa sarebbe anche fuori dall’euro, con tutti i problemi che ne derivano, a partire dalla prima scelta che toccherebbe fare: usare un’altra moneta e rischiare un’inflazione molto brusca oppure usare l’euro dall’esterno, quindi senza nessun titolo per negoziare a Bruxelles? Ma allora in questa seconda ipotesi tanto valeva restare nella Spagna e non essere privati della sovranità monetaria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    04 Ottobre 2017 - 14:02

    Esercizio onanistico mentale: si supponga che California rivendichi la secessione e anche il Texas. Come risponderebbero le Istituzioni U.S.A.?

    Report

    Rispondi

  • fabriziocelliforli

    04 Ottobre 2017 - 14:02

    La domanda che come un tarlo cancerogeno mi si ripropone in looping devastantemente demenziale ed inutile è: chi c'è dietro il secessionismo adesso catalano ma fra poco anche basco e delle altre 15 "singolarità" o comecavolo? e ammesso e scetticamente concesso che ci sia solo la loro storia; CHI ha interesse acché in Europa si presentino queste cleavages (cfr. Stein Rokkan)? e, finally: chi ha interesse in un'Europa disunita? meditiamo, gente; meditiamo..

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    04 Ottobre 2017 - 12:12

    Alcune delle sue argomentazioni, Raineri, sono congruenti, altre un po' meno. C'è da considerare che la Catalogna è una delle "regioni" più produttive della Spagna (più di un quinto del Pil spagnolo viene prodotto in Catalogna) e se questa conseguisse effettivamente l'indipendenza, cosa che tuttavia reputo improbabile, forse sarebbe la Spagna a rimetterci di più. Non solo, ma molte grandi aziende catalane sono a conduzione mista (c'è molta Germania e molta Francia) con conseguenze facilmente intuibili. Anche la questione moneta non sarebbe un grosso problema. Infine c'è da dire che una Catalogna indipendente sarebbe semplicemente visto come un nuovo paese che vuole entraci in Europa e non come un paese che se n'è andato. Tutto sommato credo che vantaggi e svantaggi siano alquanto equilibrati fra le due parti. Comunque immagino e mi auguro che alla fine prevarrà la diplomazia e che la Spagna concederà alla Catalogna una autonomia e un regime fiscale molto più favorevole. di ora

    Report

    Rispondi

Servizi