Bene la prosa tedesca. Adesso passiamo all’epica

Il pragmatismo prima o poi arriva a un redde rationem. La Germania dei prossimi quattro anni non può continuare a prosperare da sola in un mondo incasinato come questo

Bene la prosa tedesca. Adesso passiamo all’epica

LaPresse/Reuters

Ora che farà? La Germania, dico. Comunque sia composto il governo futuro, Berlino ha tre problemi davanti a sé: il benessere interno, l’Europa in relazione alla Francia e non solo, il mondo in relazione a Trump e alla Brexit, per quanto pentita o emendata. Sono questioni dipendenti una dall’altra. Dominate fino ad ora all’insegna del pragmatismo, che non è opportunismo, non è solo l’idraulico competente alla guida dello stato, come ha scritto ammirato Philip Stevens sul Ft, è un’ideologia come le altre, meglio delle altre, va detto. Un connotato tipico di una società aperta e di uno stato più forte di quanto non si pensi. I polsi della classe dirigente tedesca ora dovrebbero tremare, e credo tremino senz’altro. Anche noi italiani ed europei ci dobbiamo preoccupare. Ora che farà?

 

Nella storia europea del Novecento Germania fu sinonimo di catastrofe, dalla prima Grande Guerra alla Shoah. Imperialismo, sconfitta, illusioni repubblicane, iperinflazione, debito, riparazioni, Terzo Reich e totalitarismo nazista, e il seguito fino alla distruzione degli ebrei e all’autoannientamento politico ed economico dal quale è risorta. Ma è risorta, facendo come sempre fanno i tedeschi molto sul serio. Pragmatismo? L’idraulico? Non so, comunque i risultati sono importanti, definiscono una strategia ex-post meglio delle premesse generali, delle tesi precostituite. Debito? E’ un paese creditore tra i più forti al mondo, secondo credo solo alla Cina. Inflazione? Non sa più che cosa sia, non solo per via dell’euro, è l’euro che ha incorporato dal D-Mark l’allergia tedesca al mostro dell’inflazione. Ma nel mondo attuale non si vive di bilancia dei pagamenti iperattiva e di stabilità dei prezzi. Pierluigi Ciocca, economista e Linceo, economista umanista, in un magnifico saggio edito da Donzelli spiega parecchie cose. E Angelo Bolaffi, che la pensa diversamente da lui su un punto cruciale, la dialettica tra austerità e sviluppo in Germania e fuori, ma è anch’egli ferrato in quella strana scienza che è la germanistica, affaccia ipotesi molto interessanti su di un piano storico e politico.

 

La Germania dei prossimi quattro anni, quanto dura un mandato di Cancelliere, non può continuare a prosperare da sola. Non glielo consente la debolezza della domanda interna, degli investimenti in infrastrutture e tecnologia, una produttività non eccelsa del lavoro, un regime di salari troppo bassi nonostante tutto, una struttura dell’occupazione piena che ha le sue debolezze, il declino dello spirito renano nel sistema industriale, la conversione energetica, la debolezza dei consumi, gli stessi problemi generati dalla direzione quasi univoca delle migrazioni in Europa (“A Berlino! A Berlino!”). Ma non glielo consentono sopra tutto le alleanze euro-atlantiche in crisi dopo Trump, la Brexit anche soft, la devastazione mediorientale, i casini asiatici e le partnership monetarie e finanziarie e fiscali, che sono qualcosa di più delle alleanze in un’Unione monetaria interdipendente. Dovrà, la Germania, passare dalla prosa alla poesia, non dico lirica, a una poesia con un taglio un poco epico, un racconto che sia significativo per il sistema di integrazione che solo consente a tutti i paesi dell’area euro e alla Germania stessa di contare qualcosa nel mondo con il 12 per cento del pil, che ristretto ai soli tedeschi si riduce a un 3 per cento non così decisivo a fronte dei risultati cinesi, indiani e americani (con la sfida competitiva che comunque un Regno Unito extraunionista rappresenterà in futuro, costi quel che costi alla Gran Bretagna isolazionista e cosmopolita).

 

Può accadere. Nessuno lo sa, e non dipenderà dalla coalizione di governo. Dipenderà da chi la guida e dallo stato della nazione. Il pragmatismo prima o poi arriva a un redde rationem. Anche Helmut Kohl aveva una vena pragmatica, sembrava un salumiere del benessere occidentale della stazza di Ludwig Ehrard, ma è diventato un gigante dell’ovest e dell’est riunificati, l’ultimo del Novecento come scrive Bolaffi, perché la Germania fa la storia che a sua volta fa la Germania, è un circolo virtuoso o vizioso che tende a ripetersi. Anzi è un labirinto. C’è un momento della responsabilità, bisogna entrare in quello che Alain Finkielkraut definisce il “labirinto della responsabilità”. Kohl si seppe muovere al momento giusto nel labirinto e fu il centro propulsore di una svolta degli americani e degli europei vincitori della seconda Grande Guerra voluta e perduta dai tedeschi. Parliamo dell’89, duecento anni dopo la Rivoluzione francese, la caduta del Muro. Decisivo fu un presidente francese, François Mitterrand, con il suo proposito di scambio tra riunificazione della patria tedesca e nascita di una moneta unica (spiegateglielo voi a quei somari dei grillini e dei leghisti). Ora c’è un altro presidente francese in attesa attenta e vivace, e i risultati di una partnership tra le più classiche, seguita alla tradizionale inimicizia che si sa e che arrivò al termine della notte in molte occasioni macellaie, potrebbero essere importanti per tutti noi. Devono risolvere, i due, la questione della ricchezza integrata meglio, certo, ma per soprammercato la questione forza e della politica estera. La Germania si impegna a raggiungere il due per cento della spesa per la difesa entro pochi anni, il che è un’assoluta e fino a ieri impensabile novità. Ma ci vuol altro, e vale anche per un macronismo su questo piano fino ad ora troppo debole o sfuggente, per costruire un’identità imponente, collettiva, sopranazionale e tendenzialmente federativa, in un mondo incasinato come questo. Non basta lo spirito Erasmus, ovviamente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    25 Settembre 2017 - 14:02

    Caro Ferrara, tutto quello che lei analizza e mette in giusta evidenza, compresi gli autori che cita e le implicazioni mondiali, sembrano, non voler neppure sfiorare l'ipotesi della guerra alla vecchia maniera. Quella atomica non non converrebbe a nessuno. Le battaglie, la guerra, il sangue, i morti, le rovine, sono gli ingredienti nativi dell'epica. Anche di quella romantica.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    25 Settembre 2017 - 14:02

    Caro Ferrara, tutto quello che lei analizza e mette in giusta evidenza, compresi gli autori che cita e le implicazioni mondiali, sembrano, non voler neppure sfiorare l'ipotesi della guerra alla vecchia maniera. Quella atomica non non converrebbe a nessuno. Le battaglie, la guerra, il sangue, i morti, le rovine, sono gli ingredienti nativi dell'epica. Anche di quella romantica.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    25 Settembre 2017 - 14:02

    Queste elezioni hanno suonato la sveglia. O si fa l'Europa o si muore. I migranti sono il punto uno all'ordine del giorno ed in Europa lo vediamo ovunque. Anche nella Brexit ne furono una concausa. Detto questo ora Macron ci deve far vedere il suo potenziale di statista europeo. Basta slogan di grandeur e Francia first. La Merkel deve trarre da questo arresto elettorale gli elementi che Germania al passato non può e deve avere più storia. La storia è nelle nazioni imperi, grandi abbastanza per continuare ad esistere e contare. I tedeschi devono capire, ad esempio, che solo "mercedes o volkswagen" non possono essere i numeri primi se vogliono anch'essi sopravvivere. La sveglia è suonata per la Merkel. Ora vedremo veramente se in lei vi è la statista che aspettavamo e se saprà portare la Germania fuori dagli schemi passati che ce la potrebbero far odiare nuovamente. Macron-Merkel e gli altri a seguire per una Europa federata. Non vi è altra via di uscita. Siamo a Caporetto.

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      25 Settembre 2017 - 15:03

      Beh, gli schemi passati della Germania erano proprio quelli che lei dice: vedi alla voce Gugliemo II e la mitteleuropa (che infatti aveva ragione).

      Report

      Rispondi

  • Giovanni

    25 Settembre 2017 - 14:02

    Francamente non vedo i motivi di tanta preoccupazione specialmente se ricordiamo che il mondo politico tedesco non è certo quello italiano. In Germania fanno così: Contrattano a lungo e determinano con assoluta precisione tutti i punti più importanti e imprescindibili dei vari partiti che si dichiarano disponibili ad una alleanza, la Merkel ha infatti già anticipato che il nuovo governo sarà forse pronto nel mese di Dicembre ma potrebbe esserlo anche più in là. Una volta raggiunto l'accordo viene firmato dai vari partiti una specie di contratto in cui sono specificati pedissequamente tutti i punti programmatici. Ed ecco, il governo è fatto e a differenza che in Italia ogni parte rispetta l'accordo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi