La battaglia di Deir Ezzor

I curdi armati dagli americani e gli assadisti appoggiati dai russi sono a tre chilometri di distanza. Per ora liquidano l’Isis, ma per ogni forza in campo è l’alba di un nuovo conflitto

La battaglia di Deir Ezzor

Lo Stato islamico sta perdendo l’ultimo territorio che era ancora sotto il suo controllo, nella Siria orientale (immagine presa da un video dello Stato islamico uscito venerdì)

Nell’est della Siria succede quello che nel 1945 accadde sulle sponde del fiume Elba, in Germania. Agli sgoccioli di una guerra contro un nemico terribile – che allora erano i nazisti, oggi sono i fanatici dello Stato islamico – da una parte avanzano i russi e dall’altra gli americani, anche se questa volta le parti sono invertite e i russi avanzano da ovest e gli americani da est. Come nel 1945, le due parti vittoriose si guardano in cagnesco perché...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi