Quando i Rohingya non erano di moda

Nelle accuse brutali contro Aung San Suu Kyi c'è tanta ipocrisia

Quando i Rohingya non erano di moda

I rifugiati di Rohingya al rifugio temporaneo in Bangladesh. Foto LaPresse/Reuters

"Non sono Madre Teresa, sono una politica”, ha dichiarato Aung San Suu Kyi. Ma per coloro che cercano un simbolo nella lotta tra bene e male era una santa, beatificata da una vita agli arresti per l’opposizione al regime birmano. E iconograficamente perfetta nella sua sottile figura fasciata dall’htamein, l’abito tradizionale femminile, nel volto austero addolcito da un fiore di frangipani tra i capelli che incarnava ogni stereotipo dell’orientalismo.    Per molti di loro, quell’aura di santità sembrano ora appassiti....

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi