Israele bombarda il sito di armi chimiche di Assad (sì, funzionava ancora)

L'arsenale del regime siriano non è vuoto, come conferma l'Onu. Quelle richieste di Gerusalemme ignorate da Putin. I patti violati e l’ombra iraniana

Israele bombarda il sito di armi chimiche di Assad (sì, funzionava ancora)

Un F35 dell'aviazione israeliana (foto via Twitter)

Roma. A partire dalla fine di gennaio 2013 e con molta discrezione i jet israeliani hanno fatto quasi cento raid per colpire dentro il territorio siriano controllato dal presidente Bashar el Assad, hanno bombardato convogli che trasportavano missili verso il confine libanese, hanno fatto saltare in aria depositi di armi avanzate in mezzo al deserto e hanno ucciso comandanti del gruppo libanese Hezbollah alla periferia della capitale Damasco – e in un caso anche un generale iraniano che si era...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi