La “bambina cavia" torna a casa

A Londra il giudice decide di affidare alla nonna la piccola di 5 anni che era stata costretta a vivere con una famiglia musulmana che le aveva tolto il crocifisso e le vietava di mangiare carne di maiale

La “bambina cavia" torna a casa

Se non fosse tutto vero si potrebbe pensare si tratti del plot di una commedia. Una commedia dell'assurdo. Perché dopo la denuncia del Times che qualche giorno fa aveva raccontato la storia di una bambina cristiana di 5 anni affidata ad una famiglia di musulmani osservanti, un giudice, anche lei musulmana osservante, ha deciso di riportare la piccola a casa e di affidarla alla nonna.

 

È ancora una volta il quotidiano inglese a raccontare l'ulteriore e paradossale sviluppo della vicenda. Il giudice, Khatun Sapnara, ha spiegato che il "superiore interesse" della bambina è quello di crescere con una persona che le garantisca sicurezza, ne curi il benessere e rispetti le sue esigenze “culturali, etniche e religiose”. Non solo, il tribunale ha anche chiesto di avviare un'inchiesta nel merito delle questioni sollevate dal primo articolo del Times. A cominciare ovviamente dalle modalità che hanno portato all'affidamento della piccola ad una famiglia che, come prima decisione, le aveva fatto togliere il crocifisso e le aveva vietato di mangiare il suo piatto preferito, la carbonara, perché contiene pancetta.

 

Il quotidiano svela anche che le autorità locali di Tower Hamlets, il quartiere di Londra dove si è svolta l'intera vicenda, hanno tentato di bloccare la pubblicazione della storia spiegando a Sapnara che i documenti riservati relativi alla vicenda erano stati ottenuti illegalmente e che quindi si trattava di un reato. 

 

La storia Secondo quanto raccontato dal Times la bambina era stata affidata, a marzo, ad una famiglia musulmana che non parlava inglese e l'aveva "incoraggiata" ad imparare l'arabo. Dopo 4 mesi i servizi sociali avevano visto che la piccola era piuttosto angosciata e quindi l'avevano trasferita in un'altra famiglia dove ha trascorso gli ultimi due mesi. Qui, però, la bambina ha raccontato che oltre a dover togliere la croce e a non mangiare carbonara, doveva consumare i pasti seduta per terra. In entrambi i casi, poi, veniva accudita da donne che in pubblico velavano il proprio volto. Il consiglio di Tower Hamlets ha spiegato che, nel momento in cui si è dovuto decidere a chi affidare la piccola, non c'erano altre famiglie disponibili. 

Ora la bambina verrà affidata alla nonna (soluzione che a quanto riferisce il Times era già stata prese in considerazione) e continuerà ad avere regolari incontri con la madre sotto la supervisione di personale dei servizi sociali. Il giudice ha comunque sottolineato che la sua decisione non è il risultato della pressione mediatica, ma è stata presa esclusivamente nell'interessa della piccola.   

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    31 Agosto 2017 - 11:11

    Ho assistito Mercoledì al programma serale di approfondimento della BBC "Newsnight". Mi ha letteralmente schifato. La vicenda è stata raccontata in maniera volutamente distorta e abbondantemente annacquata. Innegabile caso di Fake News! Se ne è fatta una questione di razza! Una bambina bianca affidata a una famiglia di "etnia"(!) diversa. E poi giú coll' intervista a una donna nera (nata in Nigeria) affidata a una famiglia inglese e tenuta in quella da un giudice che (negli anni 70) riteneva gli adottivi genitori più idonei dei famigliari Nigeriani che (dopo anni) la reclamavano (chissà per quali motivi) a continuare a crescere la ragazza (oggi donna libera e di successo). L'intervistata si è profusa nel dire che "non saprà mai come sarebbe stato crescere tra la sua(?) gente"(poi i razzisti saremmo noi). Aggiungendo "il caso odiern della piccola affidata è paragonabile al suo, salvo la decisione del giudice, migliore". Invece è una QUESTIONE di VALORI, i NOSTRI ! La BBC li abolisce?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    30 Agosto 2017 - 15:03

    Il giudice del trambusto ( eufemico a radice elevata a enne ) scaraventato contro una bambina di 5 anni è stato provocato da un giudice ( una giudica) mussulmano. Con il sindaco di Londra mussulmano il processo di islamizzazione dell'Inghilterra è in stato avanzato ,il tutto per una errata interpretazione dei principi liberali.I fondatori del liberalismo non hanno mai sostenuto che sottomettersi ai prepotenti senza reagire fosse un principio liberale.

    Report

    Rispondi

Servizi