Trump lascia aperta ogni ipotesi per punire Pyongyang

Il presidente americano si schiera al fianco del Giappone e promette una pressione maggiore sul regime nordcoreano, dopo il lancio del missile di stanotte. La Cina parla di "punto di non ritorno"

Trump lascia aperta ogni ipotesi per punire Pyongyang

Donald Trump (foto LaPresse)

Il governo giapponese ha chiesto una riunione urgente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per prendere contromisure adeguate nei confronti della Corea del nord dopo il lancio missilistico della scorsa notte. Mentre il presidente americano Donald Trump ribadisce che "tutte le opzioni restano sul tavolo", i paesi asiatici spingono per un cambio di passo da parte della comunità internazionale nei confronti del regime di Pyongyang. La Cina ha definito la provocazione nordcoreana "un punto di non ritorno", abbandonando almeno per un momento la sua posizione interlocutoria avuta finora nei confronti di Kim Jong-un.

 

 

 

Ora sia l'opinione pubblica giapponese – spaventata dal sorvolo del missile balistico che ha attraversato a nord l'isola di Hokkaido – sia i governi di Tokyo e di Pechino chiedono di aumentare la pressione sul dittatore nordcoreano. "Faremo del nostro meglio per difendere il nostro popolo", ha assicurato il premier giapponese Shinzo Abe. "Questo atto avventato è senza precedenti, serio e una minaccia importante", ha aggiunto. Stamattina, con una lunga telefonata, Trump ha confermato ad Abe che gli Stati Uniti sosterranno una politica più decisa verso Pyongyang. Il segretario di stato americano, Rex Tillerson, insieme al ministro degli Esteri sudcoreano ha fatto sapere che l'intenzione è quella di imporre sanzioni ulteriori ai nordcoreani e di schierare nuove armi strategiche in Corea del sud. Sempre stamattina, caccia sudcoreani hanno condotto un'esercitazione al confine con la Corea del nord per rispondere alla provocazione di Kim Jong-un, lanciando otto bombe.

 

Tra spionaggio e business, sono anni che Pyongyang ci frega sulle sanzioni

La connection tra Corea del Nord e Ucraina risponderebbe a una delle domande che riguarda la capacità del regime di Kim Jong-un di sviluppare armamenti nucleari e missilistici sofisticati nonostante l'isolamento

  

Continuando a "minacciare e a destabilizzare aumenterà solo l'isolamento del regime nella regione e nel mondo", ha avvertito Trump in un comunicato diffuso dalla Casa Bianca. Ma d'altra parte, Pyongyang ha ribattuto che se la situazione viaggia verso "un livello estremo" di pericolosità la colpa è degli Stati Uniti.

 

Non è una guerra scema

Non trattate la crisi nordcoreana come uno show di macchiette

 

All'inizio di agosto, il comandante delle Forze strategiche nordcoreane, Kim Rak-gyom, aveva avvertito che il paese era pronto al lancio di quattro missili balistici a medio e corto raggio in grado di sorvolare il Giappone e di cadere a 40 chilometri dal territorio americano di Guam, nel Pacifico. Stavolta, il missile Hwasong-12 di media gittata lanciato nella notte, è esploso in volo a 1.550 miglia a sud di Tokyo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo schieppati

    29 Agosto 2017 - 19:07

    Secondo me sono gli USA (magari Trump non lo sa nemmeno) a spingere Kim Jong a queste bravate. Lo scopo è arrivare al riarmo massiccio di Sud Korea e Giappone in funzione anti russa

    Report

    Rispondi

Servizi