The Donald pronto ad aumentare le truppe in Afghanistan

La decisione da establishment di inviare altri quattromila soldati deluderà l'ex stratega di Trump, Steve Bannon, che è stato messo alla porta venerdì

The Donald pronto ad aumentare le truppe in Afghanistan

Foto LaPresse

Roma. Ieri sera alle nove americane c’era in programma un discorso del presidente Trump in diretta televisiva nazionale per annunciare la nuova strategia per la guerra in Afghanistan, che ormai va avanti dal 2001. Durante la giornata i media hanno tentato di anticipare il contenuto del discorso e hanno detto: Trump aggiungerà altri quattromila soldati al contingente già presente in Afghanistan per fermare l’avanzata dei talebani, come gli hanno consigliato di fare gli ex generali che lavorano nel suo staff e che sono considerati l’ala “normalizzatrice” della Casa Bianca.

   

La guerra afghana non va per nulla bene. Questo è il dato di un rapporto presentato al Congresso nel novembre 2016: il governo di Kabul controlla soltanto il 57 per cento dei distretti, con una perdita del 15 per cento rispetto all’anno prima, e da novembre a oggi i talebani hanno accelerato di molto le loro conquiste. Se continuano a questo ritmo, non manca molto prima che riprendano lo stesso territorio che avevano in mano nel 2001 prima dell’intervento americano, eccetto qualche sacca protetta come la capitale Kabul. Un altro dato preoccupante riguarda le forze speciali afghane addestrate dagli americani, che sopportano il peso dell’80 per cento delle operazioni contro i talebani anche se sono soltanto il 7 per cento del totale dell’esercito e questo vuol dire che l’antico piano di creare una forza combattente nazionale in grado di proteggere il paese è ancora lontano dalla realtà – con l’aggravante che siamo nel 2017.

   

Il capo del Pentagono, l’ex generale dei marine Jim Mattis, aveva già ricevuto da Trump l’autorizzazione per mandare altri quattromila soldati, ma ha preferito che la decisione fosse presa anche da Trump dopo una revisione molto tormentata della strategia. Annunciata come fatta a metà luglio, è diventata un altro fronte della faida interna all’Amministrazione tra l’ala normalizzatrice dei generali e la fazione “alt-right” guidata dall’ex stratega di Trump, Steve Bannon, che è stato messo alla porta venerdì scorso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • bragadin

    22 Agosto 2017 - 16:04

    veramente negli USA esiste un solo establishment : quello dei democratici clintoniani apparentati con i Bush: detto establishment ricomprende tutta la stampa nazionale e la stragrande maggioranza del potere finanziario... e si estende pure in italia con la stampa (compreso questo giornale che stimavo) quasi al completo contro Trump. Che la lotta ai talebani non andasse come doveva, non è colpa da ascrivere a questa amministrazione bensì al "pacifico" Obama. Trump invece, ha perfettamente capito che gli americani in Afghanistan DEVONO FARE ESATTAMENTE COME I RUSSI IN SIRIA.. e per comprendere questo, non occorre alcun establishment: è sufficiente solo un minimo di buon senso.

    Report

    Rispondi

Servizi