Ucciso l'attentatore di Barcellona

Younes Abouyaaquoub guidava il furgone che giovedì scorso ha provocato 15 morti sulla Rambla. Il terrorista è stato abbattuto dalle forze speciali spagnole

Ucciso l'attentatore di Barcellona

una foto segnaletica di Abouyaaqoub

Il ricercato numero uno dalla polizia spagnola, Younes Abouyaaqoub, è stato ucciso in un'operazione scattata intorno alle 16 di lunedì, a Subirats, nei dintorni di Sant Sadurní d'Anoia, a una cinquantina di chilometri da Barcellona. Le forze speciali della polizia spagnola, i Mossos d'Esquadra, hanno abbattuto quello che reputano sia l'autore materiale dell'attacco terroristico che giovedì scorso ha provocato 15 morti a Barcellona e un centinaio di feriti.

La polizia ha confermato l'identità dell'uomo ucciso: si tratta senza dubbi di Abouyaaqoub. Anche il ministero degli Interni catalano ha confermato.

 

 

La polizia catalana ha confermato un "incidente aperto" a Subirats (Alt Penedès) sul suo account Twitter e poi ha dato notizia dell'uccisione del ricercato, che indossava "qualcosa che sembra essere una cintura esplosiva". Gli artificieri giunti sul luogo hanno usato un robot per avvicinarsi al corpo: la cintura esplosiva era finta come quelle che indossavano i membri del commando jihadista uccisi a Cambrils.

  

 

La sicurezza spagnola riteneva che Abouyaaqoub fosse l'unico dei 12 componenti della cellula terroristica a essere ancora a piede libero. "È pericoloso e potrebbe essere armato", aveva scritto su Twitter la polizia spagnola. 

   

 

È stato possibile localizzare l'attentatore "grazie alla collaborazione dei cittadini", scrive la Vanguardia. "Una donna ha visto nel primo pomeriggio un uomo che assomigliava ad Abouyaaqoub che si avvicina alle case. Quando lo ha chiamato e gli ha chiesto cosa stava facendo lì, il giovane ha iniziato a correre in direzione di alcuni vigneti". La donna ha dato l'allarme alle autorità. Una pattuglia si è avvicinata rapidamente all'area e individuato il sospetto.

 

Altri 4 attentatori sono stati arrestati, 5 sono stati uccisi dalla polizia a Cambrils (dopo avere ucciso una donna) e altri due sono morti all'esplosione nell'appartamento di Alcanar, mentre preparavano gli esplosivi. "Crediamo che la capacità di agire di questa cellula sia stata neutralizzata", ha spiegato Forn.

 

Dallo scorso giovedì, erano stati intensificati tutti i controlli da parte dei diversi organismi di sicurezza statali su strade, stazioni e altre vie di comunicazione in tutto il territorio. Dopo l'attacco, Abouyaaqoub aveva lasciato la Rambla dileguandosi all'interno del mercato della Boqueria ed era riuscito a fuggire nella zona universitaria. Lì aveva ucciso con una coltellata il giovane Pau Perez ed era fuggito con il suo veicolo lungo la Diagonal. Durante la fuga il terrorista aveva forzato un posto di blocco e ferito un agente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi