I confini del nostro terrore

La Finlandia, Barcellona, e quel concetto di “invasione” che dobbiamo capire

I confini del nostro terrore

Barcellona il giorno dopo gli attentati. LaPresse/Xinhua

Che a Wuppertal, Nord-Reno Vestfalia, si sia trattato solo di una rissa al coltello, potrebbe anche essere. Ma alzi la mano chi non ha dovuto googlare per scoprire che Turku, dove ieri uno o più islamisti che urlavano “Allahu Akbar” e hanno accoltellato varie persone nella piazza del mercato (uno o due morti) è la quinta città finlandese con una grande enclave svedese, duecentomila abitanti e industrie. Europa insomma, occidente insomma. Qualcosa che ci riguarda, che dovremmo difendere, se soltanto riuscissimo ancora a capire la parola confine: la definizione di uno spazio che è fisico e perciò culturale, sociale.

  

Abbiamo letto, o noi stessi pensato, nei commenti del giorno dopo, un sacco di cose normali e banali su Barcellona: che è un simbolo del nostro stile di vita e la colpiscono per questo; che è la città di Vázquez Montalbán e di un periodo-Picasso, qualcuno s’è spinto a Gaudí. Ma è banale, appunto: non l’hanno colpita “simbolicamente” per questo. Ma semplicemente, terribilmente, perché è dentro ai nostri confini. E’ ora di cominciare a pensare che la guerra jihadista in corso – asimmetrica finché si vuole – è una guerra d’invasione. Nella rassegna stampa internazionale del Foglio che troverete in edicola lunedì c’è la segnalazione di un saggio pubblicato dal centro studi e ricerca Gatestone Institute di New York nell’ottobre scorso, che spiegava nel dettaglio le modalità, i contenuti e l’intensificazione della propaganda islamista contro la Spagna (“L’Andalusia è nostra, la riprenderemo”). Andalusia, cioè Spagna: “Negli ultimi mesi, lo Stato islamico e altri gruppi jihadisti hanno prodotto video e documenti che esortano i musulmani a riconquistare al Andalus”. Al Andalus è il paradiso perduto dove la Spagna della Reconquista ha torturato i musulmani e li ha bruciati vivi. Pertanto, “la Spagna è uno stato criminale che usurpa la nostra terra”. La rivogliono indietro. Punto e basta. Quanti altri luoghi “simbolo” del nostro stile di vita da #prayfor dovremo andare a cercare su Googlemaps, o nei ricordi delle nostre vacanze, prima di capire che c’è un mondo che è il nostro, che non è contendibile, che va difeso con le leggi, la forza e, se avanza tempo, con la cultura?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    19 Agosto 2017 - 13:01

    Non voglio polemizzare nè essere scortese con la redazione ma si deve ricordare il proposito appello dichiarazione di Mattarella in occasione di non so quale atto terroristico :" Non ci faremo intimidire !" o qualcosa di simile . Allora quale confine al terrore se un nostro presidente sostiene che possono anche massacarci ogni giorno ma noi non daremo loro il piacere di cacarci sotto ?

    Report

    Rispondi

  • mauro

    19 Agosto 2017 - 12:12

    A me sembra che elementi per capire ce ne siano già a sufficienza. Per chi vuol capire.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    19 Agosto 2017 - 11:11

    Mi sganasso dalle risate . Per quasi un secolo , dopo la rivoluzione russa l'occidente perbene, ha temuto di vedere i cavalli dei cosacchi abbeverarsi alle fontane di piazza S.Pietro . Un timore folkloristico più che reale. Tra qualche decennio con buona prevedibilità vedremo affacciarsi alla famosa finestra a piazza S.Pietro un muezzin almeno 5 volte al giorno. 5 volte ,non una volta ogni tanto,una goduria immensa.Che sarà mai ,sara il turno dopo circa cinque secoli dei nostri fratelli mussulmani.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    19 Agosto 2017 - 10:10

    Carissimi, il concetto di 'invasione' lo capiscono tutti quaggiù sul terreno e per le strade, perché i grandi numeri sono interpretabili ma la vista e l'udito no. E non bastano il papa compañero e la papessa querelante a convincerci che è sempre e comunque colpa nostra che non accogliamo e non scuciamo abbastanza euri. Vista e udito permettono inoltre a noi semplici di capire da soli come le migliaia di assassini che ammazzano gridando Allahu akhbar e rivendicandolo come stato islamico siano islamici e non nazisti dell'Illinois elettori di Trump.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi