Dicono che Macron ha già deluso. Dicono

Può darsi che la vecchia Francia delle ideologie e dello stato padre se lo scrolli di dosso alla prima occasione barricadera, ma per adesso ci andrei piano, pianissimo, quasi fermo

Cosa c'è da sapere sul primo governo dell’èra Macron

Emmanuel Macron (foto LaPresse)

Macron ha già deluso. Lo dicono i sondaggi. Un po’ prestino sembrerebbe, ma in serie gli ultimi presidenti (Chirac, Sarkozy e Hollande) hanno fallito la prova della famosa luna di miele con l’opinione nei primi mesi, e quelli di Macron sono tre, tre mesi. Ci andrei piano, prenderei la cosa con le molle. Il buon giornale dell’opposizione trotzkista, Médiapart, e il buon filosofo e analista della destra sovranista e populista, Alain de Benoist, scommettono all’unisono, ma con argomenti ovviamente distinti, sul fallimento. Il risultato elettorale, dicono, è atipico, Macron è espresso da una minoranza reale, che soltanto grazie al sistema elettorale si trasforma in una maggioranza legale, una situazione acrobatica (in realtà è una situazione tipica della V Repubblica, sebbene stavolta si sia realizzata in misura più cospicua, dato che l’appello di Macron era totalmente inedito e la caduta di gaullisti e socialisti senza precedenti). E’ vero che il blocco sociale del nuovo presidente ha una natura ristretta, e secondo le teorie dominanti esprime i vincenti cosiddetti della globalizzazione, lasciando fuori la vasta Francia periferica sottorappresentata in un’Assemblea nazionale che per varie ragioni, anche queste però non nuove e parte del paradigma repubblicano, ha poco da dire in termini di governabilità indipendente del legislativo. E’ vero che governare da sinistra e da destra insieme in Francia è un’eresia storica.

 

Due notazioni. Macron non ha cominciato con le promesse a vanvera, come i suoi predecessori, ma con una piattaforma antidemagogica. I vincoli europei, la ripresa dell’economia aperta al mercato e alle sue leggi (con una frustata ultraliberale in un paese non liberale, è l’idea di de Benoist e di Médiapart), una presidenza verticale che lascia poco spazio a una generica “partecipazione” e taglia fuori esasperandole opposizioni scalpitanti e alla ricerca di un loro spazio nella crisi di socialisti e destre tradizionali, una febbre che corre dalla sinistra bolivarista di Mélenchon al mondo lepenista. L’incorporazione nel diritto ordinario dell’eccezionalismo antiterrorista preoccupa (i libertari e i destri a diverso titolo). L’attitudine jupitérienne, cioè distante e non petulante, del nuovo capo dell’Eliseo spiazza, e la esibizione di una grande sicurezza di sé e del ruolo della Francia nella politica di potenza, anche questo fa venire i brividi ai polsi di chi detesta una politica estera attivistica (trotzkisti) e ne nega la titolarità al giovanissimo emulo del gaullismo e del mitterrandismo (lepenisti). E’ anche innegabile che le idee europeiste con cui Macron ha vinto hanno diviso i suoi avversari e determinato le condizioni della vittoria, ma senza una forte ripresa economica e un quadro internazionale che le legittimi possono risolversi in velleità. Tuttavia basta guardare alla Polonia, dove montano e si irrobustiscono i movimenti contrari alla destra antieuropea (up to a point) al governo, e si vedrà che la scommessa di Macron non era così campata per aria, mentre sono e restano campate per aria le pulsioni antieuro e antiliberali che non abbiano un’ossatura di programmi e scelte di governo (guardate che fine ha fatto il caro Varoufakis con la sua idea mitomaniaca e vanitosa di rappresentare il rinnovamento della sinistra europea su posizioni antiliberali e perfino banalmente classiste e antiglobalizzatrici).

 

Insomma, piano con questa storia che Macron ha deluso. Il suo orizzonte precostituito, il suo modo di essere presidente, il suo stile, ha certo qualcosa di fragile, nasce da un azzardo riuscito non da un’ondata politico-istituzionale identitaria come quella che portò de Gaulle al potere sulle ceneri della IV Repubblica, ma l’assenza di alternative sovraniste serie non è una cosa da niente, e non è da trascurare la profondità della caduta delle forze tradizionali alle quali Macron ha dato una legnata gettando alla loro ala riformatrice un’ancora di salvezza. Dicono che è il presidente dell’1 per cento, che alla ripresa prenderà una botta violenta sulle ordonnances con cui vuole ristrutturare il codice del lavoro, che è il presidente degli alti funzionari, di quelli che hanno fatto buone scuole, dei ricchi e degli investitori internazionali. Vabbè, nessuno è perfetto, una riverniciata solidale e antagonista Macron difficilmente se la potrebbe dare, il suo progetto è quel “gerne leben”, vivere tranquilli e  sereni,  che incanta gli elettori tedeschi in bocca alla cara Mutti. Può sempre essere che la vecchia Francia delle ideologie e dello stato padre se lo scrolli di dosso alla prima occasione barricadera, ma per adesso ci andrei piano, pianissimo, quasi fermo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    14 Agosto 2017 - 08:08

    Macron è la vittoria degli anticorpi. Virale che sia l'opposizione, ormai non ha chance.

    Report

    Rispondi

  • perturbabile

    14 Agosto 2017 - 08:08

    Già, gli studi, il CDA della Rotchild, sono gravi difetti:) E non mettiamoci il passato amore per la nonna e la moglie più grande in età: siamo al portierato!. I Francesi dopo un mese sono sempre già delusi del Presidente: avevano giocato? Non conosco la scuola francese (so del credo socialista di moltissimi insegnanti), ma pensò che, in nome della maturità, anche politica, una delle cose che Macron dovrebbe fare è proprio riformare e rendere più seria la scuola.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    13 Agosto 2017 - 23:11

    Sembra il processo a Socrate. Suvvia lasciate che Macron decida e governi. Ne ha facoltà. I sinistrosi, invidiosi, già lo linciano come il novello Napoleone solo perché decide e non tergiversa. A loro serve un pastrocchiatore a cui attaccarsi come le cozze allo spago. Macron guarda ai fatti ed ai rapporti non alle chiacchiere. Se sei forte dialoghi altrimenti ti metti in fila. Questo è tempo di decisioni e non di salotti noisi e perditempo. Se la Merkel vincerà le elezioni lo scenario sarà più chiaro e delineato e gli spazzi talmente ristretti che forse nemmeno una legge elettorale seria e determinata ci potrebbe salvare. Loro tempo ne hanno, noi no e questo non lo abbiamo ancora capito. La critica a Macron è sterile e se fossimo seri è dalle mosse che ha preso che dovremmo capire il percorso futuro e, da questo trarne le nostre conseguenze. Invece siamo alle sublimazioni tipo: Renzi è di sinistra o che cosa? Il mondo corre e sinistra oggi compagni è solo un cartello verso cui girare

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    13 Agosto 2017 - 19:07

    "Il blocco sociale del nuovo presidente ha una natura ristretta". Giusto: quanti sono nel CDA della Rotshild?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi