“John Wayne” Trump rilancia la sfida alla Corea del Nord

Il presidente degli Stati Uniti cita un celebre film su Iwo Jima e avverte Pyongyang: “Siamo carichi e pronti a intervenire militarmente”

“John Wayne” Trump rilancia la sfida alla Corea del Nord

Ancora una giornata di minacce verbali tra Washington e Pyongyang. Parole contro parole in quella che, per ora, resta una guerra soprattutto di “retorica”. È vero, la Corea del nord ha programmato per metà agosto un nuovo test balistico con quattro missili che dovrebbero sorvolare il Giappone e cadere a 40 chilometri dall'isola di Guam. Una provocazione che non è piaciuta a Donald Trump. E così, da giorni, il presidente americano attacca, avverte e si mostra tutt'altro che intimorito dalle mosse di Kim Jong-un. Oggi ad esempio, ha usato Twitter (la sua arma preferita) per ricordare al leader coreano che gli Stati Uniti sono pronti all'intervento militare. Augurandosi poi che, proprio per questo, Kim decida di intraprendere una strada diversa.  

 

Come sempre c'è molta teatralità nelle parole di Trump che, nel suo tweet, ha utilizzato la frase “locked and loaded” (“pronti e carichi”), parole prese “in prestito” da un celebre film del 1949, Iwo Jima, deserto di fuoco (in inglese Sands of Iwo Jima), in cui il protagonista, John Wayne, esorta i suoi: “Lock and load, boy, lock and load”.

 

Ma altrettanto teatrale è il tweet del Comando americano nel Pacifico che, sempre oggi, ha postato le immagini dei bombardieri B-1B che si trovano a Guam pronti a intervenire.

 

 

Intanto l'ulteriore escalation verbale non piace a Russia, Cina e Germania che esprimono tutta la loro preoccupazione per ciò che sta accadendo. Per il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, il rischio di un conflitto è “molto alto”, mentre la Cancelliera Angela Merkel ha escluso una soluzione militare e sottolineato che “l'escalation verbale è una reazione sbagliata”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adebenedetti

    11 Agosto 2017 - 22:10

    Sara` una combinazione ma nessuno sul Foglio ricorda la data del 21 Ottobre 1994. Che cosa successe allora? Il Presidente Clinton annunciava agli americani e al mondo di aver raggiunto un accordo con la Corea del Nord la quale rinunciava a dotarsi di un armamento atomico ecc.ecc. Il marito di Hillary rassicurava Corea del Sud e Giappone. Qusti due stati asiatici potevano dormire tra due guanciale grazie all`accordo fatto da Bill il Sincero. Di contro l`America apriva generosamente la borsa al Nord Corea. Sembra che Bill abbia fatto scuola e il Presidente O (zero) , Sua Nullita` ha fatto un simile accordo con l`IRAN. Susan Rice,la Consigliora di Obama ha scritto ieri che gli USA debbono abituarsi all`idea di un Nord Corea con le bombe atomiche. Ora dette bombe non nascono come i funghi dalla sera alla mattina,che cosa hanno fatto la Consigliora e il suo Presidente per evitare questa invasione di FUNGHI ATOMICI? Ma il problema sono le dichiarazioni di Trump. Stupidita` dei media.

    Report

    Rispondi

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    11 Agosto 2017 - 19:07

    La Merkel è la peggiore di tutti, by far. Il punto è assai semplice, fa pena non vederlo scritto da nessuna parte, ed è: Kim è un feroce assassino criminale che affama uccide tortura e imprigiona i cittadini koreani mentre costruisce missili nucleari, TUTTO IL MONDO (LIBERO) dovrebbe twittare dando ragione a Trump. Dovrebbe esserci un Ashtag #siamo con l'America, appoggiamo Trump incondizionatamente. Sarebbe l'unico modo per calmare i bollori di Kim Putin Assad (e Teheran !!!!). Invece si sentono solo commenti stupidi infantili irresponsabili e francamente inverecondi. L'America è piú sola che mai, isolandola (difendendo per assurdo personaggi schifosi) stiamo firmando la fine dell'Europa. Come cristiana mi vergogno, e mi chiedo se i leader del mondo libero, e gli europei, siano cristiani veri. NE DUBITO.

    Report

    Rispondi

Servizi