Anche i più inclini al cambiamento in Germania non vogliono cambiare

I giovani Merkel sono il 57 per cento dei diciotto-ventenni

Anche i più inclini al cambiamento in Germania non vogliono cambiare

Angela Merkel con un gruppo di giovani (foto LaPresse)

Roma. A 63 anni Angela Merkel si avvicina con calma al suo quarto mandato da cancelliere. La leader della Cdu è tornata oggi a Berlino dopo tre settimane di vacanza, evidentemente poco preoccupata dall’appuntamento elettorale: tutti i sondaggi danno il suo partito tra i 15 e i 20 punti di vantaggio sui socialdemocratici di Martin Schulz e la sua campagna elettorale è stata caratterizzata dalla sobrietà, dall’idea che il paese funziona, perché cambiare chi lo guida? Lo stato d’animo che...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    11 Agosto 2017 - 15:03

    Ormai è codificato storicamente che Merkel è grande statista e spadroneggia -con dietro la potentissima macchina tedesca - in Europa e anche più a largo. Però nella messa cantata ormai generalizzata una omissione in chiosa. Cara Angela ricordati di Ludendorff e Hitler. Vero i peccati del padri non devono ricadere su i figli , ma su gli eredi è dovere.C'è uno stato europeo che sta per chiedere alla Germania i danni delle distruzioni e dei morti causati da Adolfo. Ottima iniziativa . Tranne qualcuno tutti gli stati europei hanno subito danni dal Terzo Reich è dunque obbligo del Quarto risarcire.E Angela la smetta di ridere e qualcuno dei suoi interlocutori porti sempre in tasca foto dei campi di sterminio e se del caso le mostri,così da toglierle i sorrisetto ebete.

    Report

    Rispondi

Servizi