Un cantante saudita è stato arrestato perché ha fatto la "dab dance"

Un apposito proclama del ministero dell'Interno mette in guardia "le persone sui pericoli di questa [mossa] sui giovani e la società, e proibisce di imitarla"

Un cantante saudita è stato arrestato perché ha fatto la "dab dance"

Un cantante molto popolare in Arabia Saudita è stato arrestato per aver fatto  “dab”  durante un concerto. La “dab dance “arriva dalla scena hip hop della città ma ha spopolato su internet: si fa distendendo un braccio e ripiegando l’altro verso il petto, con la testa abbassata.

  

Il gesto è vietato nel Regno, dove le autorità la considerano collegata al mondo della droga. Abdallah al Shaharani, che è anche conduttore televisivo e attore saudita, ha fatto il “dab” durante un festival musicale nella città di Taif, nel sud ovest del paese, durante il fine settimana. Il video in cui al Shaharani ballava la “dab dance” è diventato virale sui social media.

  

La “dab dance” è nata negli Stati Uniti, ad Atlanta circa due anni fa, ma ha guadagnato un seguito globale quando celebrità, atleti e politici hanno iniziato a usarla. L’hanno ballata alcuni calciatori molto famosi come il centrocampista francese Paul Pogba e l’attaccante argentino Paulo Dybala, ma ha conquistato anche Hillary Clinton, che l’ha fatta mentre era ospite del programma di Ellen DeGeneres, durante la campagna per le presidenziali americane.

 

 

La Commissione nazionale per la lotta alla droga del ministero dell’Interno saudita ha di recente vietato la mossa perché sostiene faccia riferimento all’uso di marijuana o comunque alla contro-cultura legata al mondo dei narcotici. Un apposito manifesto del ministero mette in guardia "le persone sui pericoli di questa [mossa] sui giovani e la società, e proibisce di imitarla".

Il cantante ha chiesto scusa su Twitter: "Mi scuso con il nostro rispettato governo e con il mio pubblico per aver fatto la mossa in modo involontario e spontaneo fare al Taif festival. Vi prego di accettare le mie scuse". L’ arresto di Shaharani ha sollevato un acceso dibattito sui social. Migliaia di utenti si sono scheirati pro o contro l’artista, chiedendosi se debba o meno subire una punizione.

  

In molti hanno difeso Shaharani, sostenendo che non sapesse cosa significa il gesto mentre qualcuno ha twittato: "Questa mossa ha un'influenza negativa evidente sulle persone, non importa quale sia la sua spiegazione, è inaccettabile”. Altri ancora sostengono che il cantante l’abbia fatto in modo provocatorio. Il giornalista Ayed al Ayed ha scritto: "Ragazze, le vostre urla continue le trovo molto inquietanti. Chi infrange la legge viene arrestato. Grazie alle forze di sicurezza".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi