La francese Renault investe molto in Iran, è una sfida a Washington

Gli europei intendono lavorare con l’Iran e si oppongono alla politica di chiusura voluta da Donald Trump. La spinta della Francia è anche figlia della nuova politica mediorientale di Macron

La francese Renault investe molto in Iran, è una sfida a Washington

Un uomo fa benzina in una stazione di servizio a Teheran, Iran (foto LaPresse)

Roma. L’accordo concluso due giorni fa a Teheran dalla casa automobilistica francese Renault è il nuovo capitolo della corsa europea agli investimenti in Iran dopo l’annullamento delle sanzioni economiche internazionali. Ed è anche la prova che c’è una differenza di vedute enorme tra Parigi e Washington, perché l’amministrazione Trump è molto sospettosa e non gradisce questo riavvicinamento così rapido con Teheran.   Francesi e iraniani hanno firmato un contratto dal valore di 660 milioni di euro per costruire in Iran...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    09 Agosto 2017 - 09:09

    Siamo alle solite: gli affari hanno la precedenza. Ecco la solita strategia confusa dell'Occidente con nazioni che calpestano la democrazia.

    Report

    Rispondi

Servizi