È l’ora della crisi geopolitica seria ma il dipartimento di Stato trumpiano non esiste ancora

L’Amministrazione Trump ha trascurato il settore diplomatico, ha subito fatto piazza pulita degli uomini di Obama secondo le regole dello spoils system e poi non ha più riempito i buchi

È l’ora della crisi geopolitica seria ma il dipartimento di Stato trumpiano non esiste  ancora

Il segretario di Stato americano, Rex Tillerson (foto LaPresse)

Roma. Il dipartimento di stato americano arriva impreparato alla crisi atomica con la Corea del nord. Nell’ora in cui la diplomazia si fa più necessaria e il bisogno di un apparato solido e ben rodato di contatti e di canali di comunicazione è fortissimo, il dipartimento di stato è scoperto: manca ancora un ambasciatore in Corea del sud – che in questo frangente è l’alleato da rassicurare ogni giorno – non c’è l’assistente segretario di stato per l’Asia (che di...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adebenedetti

    10 Agosto 2017 - 21:09

    Sembra strano ma e` veramente strano? Eppure il signor Raniere conferma il suo STRABISMO politico non ricordando l`ostruzionismo che l`amministrazione Trump sta vivendo dalla sua nascita.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    10 Agosto 2017 - 14:02

    A commento di altro articolo ho proposto Giuliano Ferrara( doppia cittadinanza ) a segretario di stato di Trump. Speremo ben.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    10 Agosto 2017 - 00:12

    Se Kim farà di Guam la copia di Pearl Harbor, Trump sarà il Roosevelt 2. Tutti tacciono, non è politicamente corretto parlarne, ma l'Iran è ben più terribilmente vicino della landa di Kim.

    Report

    Rispondi

Servizi