Il Ruanda alla prova di Kagame

Il dilemma morale di un tiranno che ha fatto fiorire l’economia

Il Ruanda alla prova di Kagame

Paul Kagame (Foto LaPresse/Reuters)

Un paio di giorni fa il New York Times ha inquadrato così la questione del Ruanda, che ieri è tornato al voto per la terza volta a 23 anni dal genocidio: l’autoritarismo del presidente Paul Kagame è tollerato dalla comunità internazionale perché controbilanciato da prosperità e crescita economica. Ma questo è davvero un bene per i ruandesi? Per molti versi, il Ruanda è un paese trasfigurato rispetto a quando Kagame è salito al potere come capo della guerriglia Tutsi che...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi