Pence e la Russia

Il vicepresidente americano evoca lo spettro di aggressioni e dice: se vuole collaborazione, Mosca cambi politica

Paola Peduzzi

Email:

peduzzi@ilfoglio.it

Pence e la Russia

Mike Pence (foto LaPresse)

Milano. Più volte ci siamo chiesti: dov’è finito Mike Pence, il vicepresidente di Donald Trump? Ogni giorno escono dettagli sulla Casa Bianca, i consiglieri, i famigliari, le faide, i vizi, ma su Pence quasi nulla, e sì che se tutto dovesse andare in malora, il presidente alla fine sarebbe lui. Ebbene, negli ultimi giorni gli spostamenti di Pence, le sue parole, si sono visti e sentiti, e se nella Washington assediata dalle liti sono stati un po’ dimenticati, è probabile...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adebenedetti

    04 Agosto 2017 - 00:12

    Lei sogna signora Paola e riporta l`interpretazione dei suoi sogni. Non penso che Lei sia distratta ma solo strabica. Politicamente parlando.

    Report

    Rispondi

Servizi