Trump dice che se i rapporti con Mosca vanno così male è colpa del Congresso

Il primo ministro russo Medvedev definisce le nuove sanzioni alla Russia una "guerra commerciale di larga scala". E aggiunge che il presidente è succube del Congresso

Trump dice che se i rapporti con Mosca vanno così male è colpa del Congresso

Donald Trump (foto LaPresse)

Il primo ministro russo, Dmitri Medvedev, ha definito le nuove sanzioni imposte dagli Stati Uniti l'equivalente di una dichiarazione di una "guerra commerciale su larga scala" contro Mosca. Secondo Medvedev, che ha rilasciato le sue dichiarazioni con un post su Facebook, le misure restrittive approvate da Washington dimostrano anche come il presidente americano Donald Trump sia succube del Congresso, che ha approvato compatto una legge che punisce la Russia per l'aggressione lanciata all'Ucraina nel 2016. Una prova ulteriore, ha aggiunto il primo ministro, dei tentativi dell'élite americana di rimuovere il capo della Casa Bianca, che aveva criticato le nuove sanzioni imposte dal Congresso.

 

Putin mostra i muscoli contro la Nato

Megaoperazione militare russa entro l’estate, mentre il Pentagono arma Kiev

 

Secondo Trump, i parlamentari hanno oltrepassato i limiti imposti dalla legge, riferendosi alla larga maggioranza con cui il documento è stato approvato e che ha permesso così di evitare il veto presidenziale. "In qualità di presidente, posso concludere affari migliori con i paesi stranieri di quanto possa fare il Congresso", ha commentato Trump. Il presidente americano oggi ha twittato che i rapporti tra Mosca e Washington sono "pericolosamente ai minimi" e per questo bisogna "ringraziare il Congresso, lo stesso che non riesce a dare ai cittadini un sistema sanitario".

 

  

Le nuove misure fissano un limite all'ammontare di denaro che gli americani possono investire nei progetti energetici in Russia e complica la possibilità di fare affari a Mosca. Le sanzioni "pongono fine alle speranze di un miglioramento delle nostre relazioni con l'Amministrazione americana", ha scritto il primo ministro russo, perché il pacchetto di misure restrittive "resterà in piedi per decenni, a meno di un miracolo".

 

Realismo e gioco delle parti nelle schermaglie fra Putin e Trump

La reazione alle sanzioni non pregiudica la collaborazione. La notizia della fine della luna di miele è fortemente esagerata

 

Molti paesi europei, soprattutto la Germania, hanno però espresso preoccupazione per le nuove sanzioni nei confronti di Mosca. D'altra parte, il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker si è detto soddisfatto perché nel nuovo testo approvato da Washington si prevede che prima di applicare le misure commerciali siano sentiti gli alleati degli Stati Uniti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo schieppati

    03 Agosto 2017 - 17:05

    Trump dice una cosa che è tanto evidente quanto mistificata dai supporters del russiagate. Il problema non è Trump. Il problema è l'America e i suoi apparati.

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      03 Agosto 2017 - 17:05

      Direi una parte degli apparati. E da una (gran) parte dei democratici, che ora fanno i supervergini per evitare che si parli dei soldi VERI (non illazioni) presi dalla fu-Fondazione Clinton proprio dai Russi e oligarchi vari.

      Report

      Rispondi

Servizi