Il silenzio dei grillini sul Venezuela

Nuovi arresti tra gli oppositori. E il M5s non vede alcuna svolta autoritaria

Il silenzio dei grillini sul Venezuela

Uno striscione che chiede la libertà di Leopoldo Lopez (foto LaPresse)

Se qualcuno non avesse ancora capito, dopo anni di fame, repressione e inflazione, quale fosse la reale natura del regime socialista venezuelano e cosa si nascondesse dietro al plebiscito per convocare l’Assemblea costituente, ieri ha avuto un ulteriore indizio. Nella notte gli agenti del Sebin, gli agenti del servizio segreto bolivariano, hanno riportato in carcere due esponenti dell’opposizione democratica: Leopoldo López, leader del movimento Voluntad popular, e Antonio Ledezma, sindaco della capitale Caracas. López era appena uscito dal carcere militare di Ramo Verde, dopo due anni e mezzo di detenzione, per motivi di salute. E’ stato condannato a 13 anni e 9 mesi di prigione, alla fine di un processo-farsa ammesso dallo stesso magistrato dell’accusa poi fuggito all’estero, per aver guidato le proteste di piazza.

 

Ledezma invece era già stato arrestato ed è, da ormai due anni, in attesa di un processo mai iniziato in cui è accusato di tentativo di colpo di stato per un appello pubblicato sui giornali. In realtà il vero colpo di stato è quello dell’autocrate Nicolás Maduro, erede del caudillo Hugo Chávez, che ha distrutto l’economia del paese, smantellato le istituzioni democratiche, liquidato il Parlamento in mano all’opposizione e incarcerato i rivali politici. Eppure Chávez e Maduro sono stati e sono ancora oggi fonti di ispirazione dei principali leader della sinistra radicale europea: Jeremy Corbyn in Inghilterra, Jean-Luc Mélenchon in Francia, Pablo Iglesias in Spagna e Alexis Tsipras in Grecia. In Italia, con la sinistra liquefatta, la bandiera del regime chavista e del suo populismo autoritario sventola nelle mani del M5s. Ieri in Senato tutti hanno condannato la svolta autoritaria in Venezuela, i grillini sono rimasti zitti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • m.pascucci

    02 Agosto 2017 - 09:09

    Sarò breve: perché mai un movimento populista come il M5S dovrebbe contestare la legittimità di un governo che rappresenta l'apoteosi del populismo, qual è quello venezuelano? Un plauso al M5S, almeno in questo caso dimostrano di essere coerenti.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    02 Agosto 2017 - 08:08

    E certo che i grillini sono stati zitti sul Venezuela, loro sono sempre stati per l'uscita dall'euro.

    Report

    Rispondi

Servizi